Cerca

Inail Lombardia / I sindacati alla direzione regionale: no, non va per niente bene

Su benessere organizzativo e lavoro agile i vertici dell’ente fanno orecchie da mercante
14 mar. – Il botta e risposta tra sindacati e Direzione Inail della Lombardia finisce in una lettera aperta che Fp Cgil – Fps Cisl – Uil Pa e Confintesa scrivono al direttore regionale dell’istituto per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. “Lo scorso 28 febbraio abbiamo chiesto alla direzione regionale un incontro urgente per discutere sia sulle condizioni e il benessere organizzativo delle diverse sedi territoriali sia sul lavoro agile, viste le segnalazioni che ci vengono fatte dalle lavoratrici e dei lavoratori - racconta Francesco Meduri, coordinatore della Fp Cgil Lombardia -. Per tutta risposta il direttore ha mandato una nota in cui di fatto interrompe unilateralmente le relazioni sindacali”. Come mai? “L’ente ritiene che gli alti livelli quali –quantitativi dei servizi erogati siano indice di un’organizzazione del lavoro ottimale, sana, priva di situazioni di disagio. Abbiamo replicato che questo merito va dato alle lavoratrici e i lavoratori dell’Inail che garantiscono le prestazioni anche se rassegnati per l’andazzo aziendale”. In che senso? “Eludere le difficoltà e negarsi al confronto con le rappresentanze sindacali e con lo stesso personale - che ben sa dove sono le problematiche, e che quindi può avanzare delle proposte per sanarle -, è segno di una mancanza di rispetto. Tanto più grave, poi, se le criticità vengono pure misconosciute. Non era mai successo ed è inaccettabile che ci venga indicato come livello del confronto quello di singola sede glissando sulle questioni di livello regionale” aggiunge Meduri.
Sul lavoro agile? “E’ in atto una sperimentazione dal giugno scorso. Su 800 dipendenti le domande sono state circa 140. Ora sono stati riaperti i termini per l’adesione e ne stanno arrivando altre. Vorremmo capire quali criteri si stanno seguendo per accoglierle o respingerle, e quante sono le une e le altre”.
tiziana.altea | 14 marzo 2019, 09:29
< Torna indietro