Cerca

Asili nido del Comune di Bollate: sciopero riuscito

Bonfanti (Fp Cgil Milano): “Abbiamo ricevuto la solidarietà delle famiglie, che hanno compreso pienamente quanto sia importante che, attraverso la qualità del lavoro, si persegua anche l’obiettivo della qualità del servizio”
28 mar. – “Dato che domattina è previsto un incontro sindacale, anche se su altri temi, in considerazione dell'ottima riuscita dello sciopero e della grande solidarietà ricevuta dalle famiglie, abbiamo lasciato detto che ci aspettiamo che il sindaco si presenti al tavolo per rivedere le sue posizioni”. È decisamente soddisfatta Alexandra Bonfanti, segretaria della Fp Cgil Milano, per lo sciopero che oggi ha chiuso i due asili comunali di Bollate con l’adesione delle 24 educatrici che ci lavorano. “Alla fine abbiamo lasciato tutti i manifesti, i palloncini, i testi delle canzoni alla segreteria del sindaco come pacco dono!” ironizza la sindacalista.
Nel video postato su Facebook dalla Fp Cgil lombarda durante il presidio sotto il municipio sono state ribadite le ragioni della protesta. “Il Comune da diversi mesi ha messo in atto un vero e proprio attacco ai servizi educativi, dando interpretazioni restrittive e, a nostro avviso, anche illegittime di quello che è il contratto nazionale. In particolare sul mese di luglio vuole arbitrariamente aumentare l’orario di lavoro frontale con i bambini dalle 30 ore settimanali alle 36 - ha sottolineato Bonfanti -. Questo ovviamente non permette di rispettare quello che il contratto prevede in termini di alternanza tra lavoro frontale e momenti dedicati alla formazione e al recupero psicofisico. Basti pensare che il lavoro educativo è considerato, anche ai fini pensionistici, lavoro gravoso”.
tiziana.altea | 28 marzo 2019, 15:20
< Torna indietro