Cerca

Dalle parole ai fatti

Rinnoviamo la Pa: contratti, assunzioni, risorse
30 ott. - Oggi al Teatro Argentina di Roma si sono riunite le categorie di CGIL, CISL e UIL della funzione pubblica. Tania Sacchetti, segretaria nazionale CGIL, nella relazione introduttiva ha detto che il Governo deve passare dalle parole ai fatti perché "c'è bisogno di risposte. Maggiori risorse per i contratti, meno vincoli alla contrattazione, investimenti per valorizzare le professionalità e un piano straordinario di assunzioni".
Si sono susseguiti numerosi interventi delle delegate e delegati, tra i quali Sabina, infermiera, ha lamentato l'invecchiamento del personale e chiesto "un cambiamento nel mondo del lavoro della sanità pubblica. Lo dobbiamo alle lavoratrici e ai lavoratori che hanno permesso che la sanità funzionasse". Emiliano Scipioni, Comune di Roma, ha ricordato alla platea che la Pubblica Amministrazione eroga i servizi ai cittadini avvalendosi di sempre meno dipendenti pubblici, per questo motivo "è necessario e imprescindibile un piano di assunzioni". Tra gli ultimi interventi una funzionaria della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale, Marianna Galantucci. Ha evidenziato che il Paese è passato da una gestione emergenziale del diritto d'asilo a una strutturata e professionale. L'attuale riorganizzazione ha già portato alla chiusura di alcune sedi, per questo motivo le lavoratrici e i lavoratori chiedono il riconoscimento della professionalità nel sistema di classificazione, il superamento della precarietà geografica prevista dal "decreto sicurezza" e una certezza sulle funzioni attribuite a coloro che non saranno più assegnati alle Commissioni.
Conclusi i lavori, tutti i partecipanti si sono spostati al presidio organizzato davanti a Palazzo Vidoni per chiedere più risorse e la valorizzazione professionale del personale, per servizi pubblici di qualità. Serena Sorrentino, segretaria generale Fp Cgil, in un video postato in rete, ha raccontato l’incontro nel frattempo intercorso con la ministra Fabiana Dadone. (Andrea Ferraccio)
pubblicazione | 30 ottobre 2019, 18:38
< Torna indietro