Seguici
18 Ottobre 2021 - 17:33
HomePubblicazionePoliclinico San Donato: una proposta indecente

Policlinico San Donato: una proposta indecente

La Fp Cgil Milano contro lo straordinario forfettario

22 lug. – Il proverbio dice: piove sul bagnato, o, volendo, dalla padella alla brace. È il caso di sottolinearlo per le lavoratrici e i lavoratori del Policlinico San Donato: non solo il contratto nazionale della sanità privata manca da 12 anni, ma ora si vedono “proporre individualmente una cifra forfettaria per lo straordinario (trecento euro per dodici mesi, dal prossimo 1° agosto al 31 luglio 2020) e senza passare dal confronto sindacale” denuncia  Maurizio Amati della Fp Cgil Milano -. Una proposta indecente – continua-. Un atto unilaterale e inaccettabile: il lavoro fa profitto ma è un costo da comprimere sulla pelle dei lavoratori. E pensare che eravamo riusciti, dopo un lungo travaglio, a riportare nell’ambito della contrattazione collettiva tutta una serie di istituti, incluso lo straordinario” commenta il sindacalista. Torna buono un altro proverbio: il lupo perde il pelo ma non il vizio. 
Il Policlinico fa parte del Gruppo San Donato, uno dei più grandi gruppi ospedalieri privati italiani, che da qualche settimana ha messo al timone Angelino Alfano. “Temiamo che la proposta dello straordinario forfettario possa essere estesa anche a tutte le altre strutture del gruppo aggravando la situazione – afferma Isa Guarneri, segretaria della Fp Cgil milanese -. Intanto abbiamo chiesto al Policlinico di convocare quanto prima un tavolo sindacale e di sospendere il provvedimento. Diversamente potremmo anche fare ricorso al giudice per condotta antisindacale”.