9 Dec 2021
HomePubblicazioneSanità privata: sciopero sospeso, ripartono le trattative

Sanità privata: sciopero sospeso, ripartono le trattative

Ma l’allerta resta e in Lombardia continuano le assemblee nelle varie strutture

18 sett. – Ripartiranno domani, 19 settembre, le trattative per il rinnovo del contratto della sanità privata accreditata. Alla convocazione da parte del neo ministro della salute Roberto Speranza ieri le parti datoriali Aris e Aiop avrebbero dato segnali di apertura e domani con i sindacati discuteranno di risorse economiche e prossimi incontri da calendarizzare. “Abbiamo deciso di sospendere lo sciopero nazionale del prossimo 20 settembre, fermo restando che rimane confermato lo stato di agitazione al fine di sostenere il tavolo e la vertenza nazionale – hanno dichiarato ieri Fp Cgil – Cisl Fp e Uil Fpl nazionali -. Il 25 settembre abbiamo concordato di incontrarci nuovamente, alla presenza delle delegazioni del Ministero della Salute e della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, al fine di consegnare elementi utili alla Conferenza delle Regioni per intervenire con strumenti normativi che accelerino la risoluzione di questa fondamentale vertenza che riguarda le vite di 300mila operatori del settore”.

“Lo sciopero è stato sospeso ma in Lombardia continuano, dopo quelle già fatte, le assemblee unitarie sui posti di lavoro. Auspichiamo che finalmente le controparti si assumano la loro responsabilità e già al tavolo di domani diano risposte chiare e concrete – afferma Gilberto Creston, segretario Fp Cgil regionale. “Il contratto è un diritto, 13 anni senza hanno rappresentato un furto di diritti per le lavoratrici e i lavoratori della sanità privata, che hanno continuato invece a prestare servizio in tutti questi anni anche quando si è tradotto in sacrifici economici” aggiunge la segretaria generale lombarda Manuela Vanoli.