Seguici
18 Ottobre 2021 - 18:14
HomePubblicazioneCCIAA Milano / Firmato definitivamente il contratto decentrato integrativo

CCIAA Milano / Firmato definitivamente il contratto decentrato integrativo

Bonfanti (Fp Cgil):  “siamo soddisfatti dei risultati ottenuti,  che sono stati validati all’unanimità dall’assemblea generale dei dipendenti”

26 sett. – Firmato in via definitiva, lunedì 23 settembre, il contratto collettivo decentrato integrativo per le lavoratrici e i lavoratori della Camera di Commercio di Milano. “Diversi sono i punti che ci vedono soddisfatti – racconta Alexandra Bonfanti, segretaria della Fp Cgil -. L’accordo prevede un piano triennale di progressioni orizzontali che annualmente interesserà il 50% degli aventi diritto di ogni categoria,  e che si aggiungono a quelle già effettuate nel 2018. Sempre sul piano economico,  vengono riconfermate integralmente le risorse già stanziate lo scorso anno ma, a fronte del personale cessato, produrranno un incremento medio del premio di produttività”.

Altri punti importanti del ccdi riguardano il piano normativo. “Viene dato pieno riconoscimento all’Organismo paritetico per l’innovazione che sarà consultato anche sulle risorse che il codice dei contratti prevede di destinare alle innovazioni tecnologiche dell’ente – sostiene la sindacalista -. Passi avanti ci sono anche in tema di conciliazione vita/lavoro: grazie all’impegno sinergico con il Comitato unico di garanzia, le giornate mensili di smart working salgono a 4”.

Per quanto riguarda il welfare integrativo sono stati stanziati 250mila euro per ogni anno del triennio. Per il fondo di produttività, come da dichiarazione congiunta delle parti, si verificherà l’attivazione di tutti i possibili e ulteriori canali di finanziamento, anche attraverso piani di razionalizzazione.

“Il contratto decentrato arriva dopo quasi un anno di trattative serrate e a tratti estremamente complicate, anche a fronte di interpretazioni rigide delle norme da parte della Camera di Commercio. Ciononostante, siamo soddisfatti dei risultati ottenuti,  che sono stati validati all’unanimità dall’assemblea generale dei dipendenti” chiude Bonfanti.