12 Aug 2022
HomePubblicazioneInps / Caro Tridico ti scrivo

Inps / Caro Tridico ti scrivo

La Fp Cgil scrive al presidente dell’istituto previdenziale sulla riorganizzazione: “Le poniamo schiettamente e pubblicamente una questione di metodo: perché non attendere la nomina del Consiglio di Amministrazione, coinvolgendolo in questo importantissimo processo di cambiamento?”

21 ott. – “Siamo convinti che far trovare il Consiglio di Amministrazione di fronte a una riorganizzazione già definita, ad una scelta compiuta, determinerebbe uno svilimento in partenza del suo ruolo e un disconoscimento del valore di collegialità che si intende ora ripristinare. Al contrario, l’arrivo del C.d.A. e la discussione al suo interno potrà accompagnare proficuamente il cammino di ascolto e dialogo auspicato, senza che questo possa in alcun modo comportare alcun blocco o ostacolo al percorso avviato. Perché non si dà il tempo di conoscere meglio la macchina di cui è alla guida da pochi mesi? È una macchina complessa, che sarebbe bene conoscere meglio, prima di intervenire”. La Fp Cgil, con i coordinatori Antonella Trevisani e Matteo Ariano hanno scritto una lettera al presidente dell’Inps. Se, da un lato, la categoria plaude alla disponibilità mostrata a confrontarsi sul riassetto dell’ente, dall’altro pungolano Pasquale Tridico a un diverso approccio metodologico. “La partecipazione di un organo plurale, come prevede del resto la norma fondativa dell’istituto previdenziale, non può che rappresentare un valore aggiunto su questa partita. Vogliamo migliorare condizioni di lavoro e qualità dei servizi. L’azione di un collettivo fa sempre la differenza” sottolinea Trevisani.