3 Oct 2022
HomePaviaCRI Pavia: accordo per accedere al fondo integrazione salariale

CRI Pavia: accordo per accedere al fondo integrazione salariale

Panella (Fp Cgil): garantiti i posti di lavoro

22 ott. – “Abbiamo garantito i posti di lavoro che è la cosa più importante. Abbiamo firmato, insieme alla Cisl Fp, un accordo concordando l’utilizzo del Fondo per un periodo di quattro mesi salvaguardando anche i contratti in scadenza”. Riccardo Panella, segretario Fp Cgil Pavia, su Facebook commenta l’accordo sul Fis firmato ieri con la Croce Rossa locale. Questo fondo di solidarietà è uno strumento di sostegno al reddito, gestito dall’Inps, messo a disposizione in caso di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa, ed è obbligatorio per tutti i settori che non applicano la cassa integrazione ordinaria o straordinaria. “La Cri pavese ha ridotto l’orario di lavoro di 114 ore settimanali e abbiamo concordato che questa riduzione sarà distribuita su ogni dipendente in modo proporzionale. Abbiamo così scongiurato il licenziamento di tre dipendenti” spiega Panella. Perché rischiavano il posto? “L’ente ha un bilancio con circa 172mila euro di disavanzo, in parte dovuto anche ai tagli imposti dal decreto sicurezza”.
Quanto personale è coinvolto? “Trentatré lavoratrici e lavoratori – risponde il sindacalista -. E chi ha un contratto a tempo determinato durante i quattro mesi (calcolando che l’accordo dovrebbe partire da fine novembre) potrà essere stabilizzato. Inoltre nella banca ore potranno confluire eventuali ore lavorate in più”.