Seguici
26 Settembre 2021 - 11:53
HomePubblicazioneVigili del fuoco / Parte la mobilitazione unitaria: s’inizia con presidi e poi le quattro giornate di sciopero

Vigili del fuoco / Parte la mobilitazione unitaria: s’inizia con presidi e poi le quattro giornate di sciopero

Potenziamento degli organici, risorse per il rinnovo del contratto, valorizzazione delle lavoratrici e lavoratori, assicurazione Inail al centro della protesta. Il presidio regionale lombardo di venerdì 15 novembre è stato organizzato davanti alla Prefettura di Milano

13 nov. – Venerdì 15 novembre i vigili del fuoco scendono in piazza. Prima tappa della mobilitazione nazionale che ha portato le categorie di Cgil Cisl e Uil a indire quattro giornate di sciopero, fissate nei giorni  21 novembre, 2, 12 e 21 dicembre. In contemporanea al sit-in davanti a Montecitorio, si terranno presidi davanti alle prefetture di tutto il paese. In Lombardia si è deciso per un presidio regionale a Milano, dalle ore 10 alle 12, in corso Monforte angolo via Vivaio.

Motivi della protesta? “Queste lavoratrici e questi lavoratori sono sempre in prima pagina quando salvano vite o muoiono per salvarle. Vorremmo che fossero rispettati e valorizzati per la loro professionalità e tutelati rispetto alla loro sicurezza, visto che fanno un lavoro pericoloso. È vergognoso che non abbiano una copertura Inail” attacca Davide Viscardi, segretario della Fp Cgil Lombardia. Il dirigente sindacale ricorda anche che, come è un po’ per tutto il lavoro pubblico, le condizioni di lavoro sono rese più pesanti per le carenze di organico. “Bisogna assumere nuove leve – afferma – ma anche riconoscere sul piano retributivo e previdenziale il valore dei vigili del fuoco. A loro non servono vetrine, dicono di sé attraverso il grande lavoro quotidiano che fanno. E questo gli va tutto riconosciuto in termini concreti”.

Il responsabile nazionale della Fp Cgil Vigili del Fuoco, Mauro Giulianella, nel motivare tutte le giornate di mobilitazione ricorda che “si inseriscono nel percorso di approvazione della legge di Bilancio, con l’obiettivo di introdurre nell’iter parlamentare quelle misure concrete per valorizzare la specificità dei Vigili del Fuoco. Il nostro è il solo corpo nazionale capace di prestare soccorso in Italia ai cittadini. Ed è per questo che rivendichiamo che la nostra specificità, il nostro lavoro, unico e insostituibile, sia – evidenzia – adeguatamente riconosciuto, sul fronte del salario e dei diritti”.