5 Dec 2022
HomePubblicazioneSireg e 25 novembre

Sireg e 25 novembre

In occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, la Fp Cgil, insieme alle categorie che rappresentano lavoratrici e lavoratori del sistema regionale (Filcams, Fisac, Flai e Nidil), organizzano un’assemblea su “L’odio corre in rete: la violenza ai tempi del social,  dal virtuale al reale la linea è sottile. La comunicazione scorretta: diffamazioni , calunnie, minacce. Come prevenire, contrastare e difendersi, il ruolo del sindacato”

19 nov. – “Lunedì, giornata mondiale per eliminare la violenza contro le donne, in sala Solesin alle 10:30 faremo un’assemblea organizzata come FP e insieme a tutte le altre categorie CGIL che seguono il sistema regionale (Filcams, Fisac, Flai e Nidil). Abbiamo scelto di soffermarci sulla violenza verbale e in particolare sull’hate speech sui social”. Così su Facebook Lucilla Pirovano, coordinatrice Fp Cgil Lombardia, nel lanciare l’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori del Sireg che si terrà a Palazzo Lombardia il prossimo 25 novembre.

All’assise sono previsti gli interventi di: Elena Lattuada, segretaria generale Cgil Lombardia; Maura Gancitano, filosofa e scrittrice; Manuela Campitelli, giornalista – Fondazione Pangea Onlus –  Rete REAMA. E quelli di due avvocate che collaborano con il Centro Donna della Cgil Milano: Chiara Vannoni, giuslavorista – Studio Legale Rosiello e Associati Milano; Francesca Garisto, penalista – Studio Lexa Milano.

Ancora, grazie a una video intervista a cura della stessa Pirovano, ci sarà anche un’ospite speciale: la senatrice Liliana Segre. “Ha detto delle cose bellissime – scrive la sindacalista, sempre su Fb -. Ricordando che l’odio non costruisce nulla e che l’indifferente è proprio chi non fa ‘la scelta’. E che l’imbarbarimento dei discorsi comuni si vince solo con la forza di tutti insieme appassionatamente. Parole che ci confermano che la nostra azione sindacale inclusiva, che punta a ricomporre i mondi del lavoro in RL [Regione Lombardia – ndr], va sulla strada giusta”.