9 Dec 2021
HomePubblicazioneCentrali Cooperative Lombardia: per una spinta alla contrattazione integrativa

Centrali Cooperative Lombardia: per una spinta alla contrattazione integrativa

Siglato un accordo al tavolo del Comitato Misto Paritetico Regionale

12 dic. – “Dopo l’accordo tra Centrali Cooperative regionali e organizzazioni sindacali con cui si è stabilito che in Lombardia, sulla scia dell’esperienza positiva intercorsa negli anni precedenti, si continuerà anche con il nuovo contratto nazionale a effettuare la contrattazione di secondo livello in ambito provinciale, con questo nuovo accordo si dà un’ulteriore spinta in questa direzione, estendendola ai territori che in precedenza mancavano”. Nei giorni scorsi, il segretario della Fp Cgil Lombardia Gilberto Creston ha partecipato all’incontro del Comitato Misto Paritetico regionale del ccnl della cooperazione sociale. Al tavolo, oltre all’intesa raggiunta per sollecitare l’avvio sia della contrattazione integrativa sia dei CMP territoriali, è stata verificata la situazione delle coop che a settembre non avevano ancora versato a lavoratrici e lavoratori l’una tantum. “Restano 7 situazioni irregolari e il CMP procederà a segnalarle alle stazioni appaltanti” racconta Creston.
Altro punto di discussione, i nuovi incrementi economici contrattuali nelle tariffe per i servizi sociosanitari contrattualizzati con Regione Lombardia che i Comuni appaltanti devono recepire, adeguando i bandi di gara. “Tema su cui il Comitato solleciterà il presidente regionale dell’Anci affinché prema sulle amministrazioni comunali” spiega il sindacalista.

Avviata anche la discussione sugli aspetti applicativi del premio territoriale di risultato, che proseguirà nei prossimi incontri.