Seguici
26 Settembre 2021 - 11:49
HomePubblicazioneScuole civiche di Milano, lavoratori e studenti in presidio

Scuole civiche di Milano, lavoratori e studenti in presidio

I tagli decisi dal Comune mettono a rischio l’eccellenza nell’ambito dell’alta formazione culturale e artistica

22 gen. – Lunedì 20 gennaio i docenti e gli studenti della Scuole civiche di Milano hanno partecipato al presidio sul Naviglio Grande di Milano, sotto la sede della Fondazione, per denunciare il progressivo taglio dei finanziamenti deciso dall’amministrazione comunale.

La Fondazione Scuole Civiche di Milano gestisce quattro scuole di livello internazionale: la Paolo Grassi, per il teatro; la Luchino Visconti, per il cinema; la Claudio Abbado, per la musica; la Altiero Spinelli, per le traduzioni e l’interpretariato. Si tratta di istituti che consentono di ottenere diplomi di alta formazione equivalenti a una laurea, sono un polo formativo di altissima qualità che andrebbe tutelato, ma i continui tagli decisi dal Comune rischiano di incidere in modo rilevante sulla didattica e le future programmazioni dei corsi. Per questo il personale, amministrativo e docente, con gli studenti hanno deciso di manifestare tutta la loro preoccupazione per il futuro scendendo in piazza.

“La Fondazione scuole civiche di Milano è un’eccellenza non solo sul panorama Milanese ma anche su quello nazionale – commenta il segretario generale della Funzione pubblica Cgil di Milano, Natale Cremonesi – questa eccellenza è il frutto dell’impegno quotidiano delle lavoratrici e dei lavoratori, eppure è proprio il lavoro di questi docenti ad essere messo a rischio dai tagli del Comune, un patrimonio di grande competenze che non deve essere disperso e che vogliamo difendere con la nostra azione sindacale”.

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione si è impegnato nell’avviare un confronto ad ogni livello istituzionale per avviare un progetto di riconoscimento dell’ente che permetta anche l’ingresso di nuovi soci pubblici o privati e, quindi, la raccolta di nuovi finanziamenti.

“Abbiamo incontrato il CdA e la direzione generale della Fondazione che hanno ribadito l’intenzione di cercare delle strategie volte a dare pieno riconoscimento alle Civiche scuole e costruire un unico polo delle arti performative – spiega Emilia Natale della Fp Cgil -. Inoltre, incontreremo l’Assessore alla Cultura del Comune di Milano Del Corno, all’inaugurazione dell’anno accademico del prossimo febbraio ci sarà il Ministro Franceschini e anche in queste occasioni continueremo a sostenere la necessità di ulteriori e nuove risorse economiche per il riconoscimento e la valorizzazione della Fondazione Scuole Civiche”. (Matteo Palma)