30 Nov 2021
HomePubblicazioneFondi pensione nel pubblico impiego / Una mini guida della Fp Cgil

Fondi pensione nel pubblico impiego / Una mini guida della Fp Cgil

“10 validi motivi per aderire al fondo di previdenza complementare”

30 gen. – Perché aderire a un fondo di previdenza complementare? Dieci validi motivi sono spiegati in una mini guida realizzata dalla Fp Cgil nazionale. “L’obiettivo è di intensificare l’informazione per rendere consapevoli lavoratrici e lavoratori dei tanti vantaggi che si hanno ad aderire a un fondo di previdenza complementare” afferma Claudio Tosi, che segue per la categoria la partita.

Raccontaci qualche vantaggio. “Il primo è legato al contributo che versa il datore di lavoro. Per i lavoratori che decidono di passare dal Tfs (trattamento di fine servizio) al Tfr (trattamento di fine rapporto) si aggiunge anche il contributo da parte dello Stato. Poi c’è la deducibilità fiscale sulla contribuzione accantonata, che peraltro, con il decreto sul cuneo fiscale da poco approvato, avrà degli incrementi a partire da luglio – spiega il sindacalista -. C’è la possibilità di ottenere prestazioni sia nella fase di accumulo (vedi anticipazioni per spese sanitarie o di formazione professionale o per acquisto di prima casa per sé o per i figli) sia alla chiusura del rapporto di lavoro, per pensionamento o licenziamento. Ma si possono anche accantonare risorse nel proprio fondo per familiari a carico, costruendo così anche per loro un futuro previdenziale”.

Insomma, è uno strumento utile. “La pensione complementare è indispensabile per tutti i giovani, che hanno l’obbligo del sistema contributivo, e in particolare per le donne, che hanno un accreditamento più basso rispetto agli uomini”.

Ma i vantaggi fiscali sono gli stessi sia per i lavoratori pubblici sia per i privati? “Dal 1 gennaio 2007, con legge 252 del 2005, la tassazione per i privati è stata ridotta e può arrivare al massino al 15%. Per i pubblici è rimasta più alta fino alla legge di stabilità del 2018 che ha parificato alla stessa tassazione agevolata dei privati. A rafforzare questa scelta c’è stata anche una sentenza del 2019 della Corte Costituzionale che, grazie al ricorso mosso da una lavoratrice pubblica, ha stabilito che è illegittimo applicare un diverso trattamento fiscale tra pubblici e privati. Così dal 2018 in avanti i vantaggi sono gli stessi per tutti e la lavoratrice in questione, vincendo il ricorso, ha preso pure gli arretrati”.

Quali sono i fondi complementari per lavoratrici e lavoratori rappresentati dalla Fp Cgil? “I principali sono: Perseo Sirio per tutti i pubblici dipendenti (Funzioni centrali, Funzioni locali, Sanità); Previdenza cooperativa, per i dipendenti delle cooperative; Previambiente, per gli operatori dell’igiene ambientale, dei servizi funebri e cimiteriali, dell’edilizia residenziale pubblica (Federcasa), dei servizi pubblici culturali, turistici, sportivi e del tempo libero (Federculture)”.