27 May 2022
HomeLeccoLa Nostra Famiglia / Catello (Fp Cgil Lecco): ‘sarà una battaglia durissima, noi CI SIAMO’

La Nostra Famiglia / Catello (Fp Cgil Lecco): ‘sarà una battaglia durissima, noi CI SIAMO’

Striscioni La Nostra Famiglia

Secondo giorno di presidio permanente alla sede di Bosisio Parini della struttura eccellenza nella riabilitazione delle persone con disabilità. Alle inferriate lo striscione: ‘IL BENE NOI LO FACCIAMO BENE VOLI LO PAGATE MALE!’

4 feb. – “Sarà una battaglia durissima, noi CI SIAMO” ha scritto sul suo profilo Facebook Lello Tramparulo, segretario generale Fp Cgil Lecco. Lunedì 3 febbraio è iniziato il presidio permanente alla Nostra Famiglia di Bosisio Parini. “Nell’ora e mezza di volantinaggio, dalle ore 11.30 alle 14, con le nostre delegate e delegati informeremo cittadine e cittadini utenti di quanto sta accadendo a lavoratrici e lavoratori dell’Associazione. Finora abbiamo combattuto per il rinnovo del contratto della sanità privata, fermo da 13 anni. Quando, negli ultimi giorni di gennaio, il tavolo è saltato, la Nostra Famiglia ha informato che avrebbe applicato al personale del comparto (infermieri, tecnici, amministrativi), dal 1° febbraio 2020, il contratto nazionale Aris relativo all’ambito della riabilitazione”.

Perché non va bene il contratto Aris Rsa? “Questo contratto, siglato nel 2012, peggiora i diritti, alza le ore di lavoro settimanali da 36 a 38, senza riconoscerle dal punto di vista salariale, sposta l’ambito di applicazione dal settore della sanità privata a quello socio sanitario. Altro punto pessimo è la sua imposizione, l’atto unilaterale dell’Associazione, a danno di circa 2200 lavoratori, di cui più di un quarto sono qui a Bosisio” risponde il sindacalista. Aggiungendo: “Per tutti loro oltre il danno la beffa, visto che quando il contratto della sanità privata sarà rinnovato –  auspichiamo nel più breve tempo possibile, vista la notizia della ripresa delle trattative nazionali – ci sarà finalmente l’equiparazione al contratto della sanità pubblica, secondo un nostro fermo principio: stesso lavoro, stesso salario, stessi diritti. Lotteremo ancora per far retrocedere da questa sciagurata scelta aziendale”.

Il presidio permanente proseguirà fino al 1° agosto. Segnaliamo, per restarne aggiornati, la pagina Fb “RSU La Nostra Famiglia”.