27 May 2022
HomeSondrioNessuna riapertura estiva per l’asilo nido comunale “La Coccinella“

Nessuna riapertura estiva per l’asilo nido comunale “La Coccinella“

Comunicato stampa Fp Cgil – Cisl Fp Sondrio

Abbiamo appreso da parte di alcuni genitori che l’asilo nido comunale „La Coccinella“ non riaprirà per il periodo estivo. Le preoccupazioni e perplessità a questo punto sono molte.

Innanzitutto ci preoccupa che un servizio pubblico, prezioso e caratterizzato da sempre da alta professionalità da parte  delle operatrici e degli  operatori, non sia  stato riattivato sotto forma  di centro estivo, per la fascia 0-3 anni, come invece avrebbe potuto essere, chiaramente in piena sicurezza sia per gli operatori che per i bambini.

In  altre  realtà  lombarde  e nazionali,  infatti,  il   confronto  fra  le  Amministrazioni  comunali  e Organizzazioni  sindacali  ha portato  alla  definizione  di  linee  guida  e modalità  di  apertura  in sicurezza dei nidi.

Siamo  a conoscenza  che  un gruppo  numeroso  di  genitori  di  bambini  già  iscritti  al  nido comunale   avevano  espresso   interesse   verso   tale   opportunità,   ovviamente   nelle   forme consentite e previste dalle attuali linee guida di riferimento.

Non entrando nel merito di valutazioni politiche, condivisibili o meno, ma legittime, spiace però

apprendere che l’assessore al ramo, rivolgendosi alle famiglie interessate, abbia rappresentato l’impossibilità di una programmazione estiva delle attività de „La Coccinella“, basandosi su una lettura  limitante  dei  decreti  in  vigore  e imputando  tale  limite  alla  necessità,  apparentemente non superabile,  di  consentire  al  personale  educativo  del  nido  comunale  di  poter   godere

„obbligatoriamente“ delle ferie maturate e non fruite nel corso dei mesi di sospensione.

Ora, ci preme sottolineare che, come Organizzazioni sindacali, la tutela dei diritti dei lavoratori e lavoratrici  rientra  nella  nostra  azione  quotidiana,  ma nel  caso  specifico  ci  chiediamo  se l’Amministrazione abbia innanzitutto valutato la possibilità di sperimentazione di un progetto di riapertura in forma di centro estivo de „La Coccinella“.

Non vorremmo  che tutto questo  rispondesse  invece  a un disinvestimento  e a quel  processo  di esternalizzazione del  personale del nido  comunale,  purtroppo  tutt’ora in  atto, non solo nelle intenzioni,  ma anche nelle  decisioni  assunte  nei  giorni  scorsi  dalla  maggioranza  consiliare  di Sondrio. Progetto che, come ribadito in ogni sede, rappresenta per noi un ulteriore arretramento dei servizi pubblici.

Saremmo stati ben lieti di poter contribuire, laddove coinvolti, alla condivisione di un progetto, chiaramente    dal    carattere    di    assoluta    eccezionalità,    ma   che   avrebbe    certamente rappresentato una risposta pubblica di qualità alla cittadinanza, in chiave di diversificazione dell’offerta ludico-ricreativa, rispondendo al contempo ai bisogni di risocializzazione dei bambini e a quelli di conciliazione vita-lavoro delle famiglie.

Rinnoviamo  il   nostro  appello  e la  nostra  totale  disponibilità  come categorie  del  pubblico impiego a dialogare con l’Amministrazione per lavorare su soluzioni che contemplino il diritto dei bambini a spazi di crescita con la tutela dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, specie in vista della piena riapertura dei servizi a settembre.

Le Segreterie provinciali Fp Cgil – Cisl Fp
Michela Turcatti – Francesco Caiazza