30 Nov 2021
HomePubblicazioneAsp Lombardia: stato di agitazione del personale

Asp Lombardia: stato di agitazione del personale

Creston (Fp Cgil): l’accordo del 26 maggio sul premio Covid è stato disapplicato

8 lug. – Proclamato lo stato di agitazione del personale delle aziende pubbliche di servizi alla persona della Lombardia: Istituti Milanesi Martinitt e Stelline, Pio Albergo Trivulzio, Golgi-Redaelli, Valsasino, Pio e Ninetta Gavazzi, Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia, Asp Basso Lodigiano e Carlo Pezzani.

“Abbiamo formalizzato lo stato di agitazione unitario scrivendo al Prefetto di Milano, al Direttore generale dell’Assessorato regionale delle politiche sociali e ai Direttori Generali delle Asp – riferisce Gilberto Creston, segretario Fp Cgil Lombardia -. Le lavoratrici e i lavoratori delle Asp dovevano vedersi assegnare la loro quota di premio legato alla gestione dell’emergenza Covid-19, come concordato nell’accordo regionale del 26 maggio scorso, relativo all’utilizzo delle risorse economiche previste nel decreto ‘Cura Italia’ e nella legge regionale 9/2020.  Ma l’accordo di fatto non è stato applicato da Regione e dalle aziende”.

I sindacati hanno chiesto di essere convocati presso la competente Prefettura di Milano per tentare di raggiungere un accordo con le Asp. (ta)