9 Dec 2021
HomePubblicazioneCentri per l’impiego: assunzioni in Lombardia

Centri per l’impiego: assunzioni in Lombardia

Regione ha varato la delibera 3319/2020. Pirovano (Fp Cgil): insistiamo sul fatto che le procedure concorsuali siano fatte per titoli ed esami, per includere i precari, il cui lavoro svolto nel tempo va riconosciuto

10 lug. – “Finalmente la tanto attesa delibera con allegato per far partire le assunzioni del piano di potenziamento CPI!”. Lucilla Pirovano, coordinatrice Funzioni Locali Fp Cgil Lombardia, palesa la sua soddisfazione sulla delibera di Giunta regionale 3319/2020 per il rafforzamento dei centri per l’impiego, che giunge con l’intesa (allegata) tra Regione, Città Metropolitana milanese e le province lombarde e che sarà seguita da apposito bando.

“In merito, a livello unitario e con i confederali Cgil Cisl Uil, abbiamo ribadito che nella definizione dei bandi si considerino anche i precari che da tempo hanno maturato competenze e professionalità in questi servizi, nei Cpi, nelle Agenzie formazione orientamento lavoro e negli enti accreditati” spiega Pirovano.

Era importante prevedere personale aggiuntivo, visto che alcuni centri, per carenze di operatori, erano a rischio chiusura. Ora dalle Province e da Città Metropolitana saranno assunte complessivamente circa 1378 persone, 206 a tempo determinato e fino a 1172 a tempo indeterminato. “Sì, il piano di potenziamento è finanziato dal governo, ma noi in Lombardia stavamo facendo pressing da un anno viste le difficoltà di tenuta dei Cpi e delle Afol. Regione si è mossa in ritardo, anche se meglio tardi che mai. Le politiche attive per il lavoro sono indispensabili e vanno affrontate con ogni sforzo possibile per reggere alla crisi che morderà sempre di più – sottolinea la sindacalista -. Come sindacati avevamo anche chiesto che le procedure concorsuali fossero per titoli ed esami, per valorizzare e riconoscere il lavoro svolto da lavoratrici e lavoratori a tempo determinato e con rapporto atipico, lavoro che non può andare perso. Per ora i titoli non sono né citati né negati. Batteremo il chiodo sulla nostra posizione”. (ta)