30 Nov 2021
HomeMilanoOspedale in Fiera / Il ‘consiglio semplice semplice’ della Fp Cgil Milano

Ospedale in Fiera / Il ‘consiglio semplice semplice’ della Fp Cgil Milano

Mentre sale la curva delle persone Covid+ e il numero dei ricoverati, Regione riapre i padiglioni di intensiva al Portello. Manca però il personale, che verrebbe fatto arrivare da altri ospedali lombardi, così il sindacato interviene

20 ott. – L’ospedale in Fiera torna agli onori delle cronache “grazie” a un combinato disposto: continua a salire il numero di persone ricoverate per il Covid e Regione Lombardia penserebbe di riaprire in settimana l’hub milanese, come riportato oggi sul quotidiano La Repubblica. Il condizionale è ormai da levare visto che questo pomeriggio i sindacati hanno ricevuto una lettera dalla direzione amministrativa del Policlicnico – che dirige i padiglioni al Portello – dove si conferma che nella struttura (ricavata da una donazione di oltre 21 milioni di euro e rivelatasi un flop rispetto agli annunci) saranno attivati i primi 16 posti letto di terapia intensiva.

Sferzante il comunicato diffuso già questa mattina dalla Fp Cgil Milano rispetto alle intenzioni della Regione che penserebbe di sopperire alle carenze di personale sanitario al Portello drenando lavoratrici e lavoratori dagli altri ospedali della Lombardia, come se queste carenze non fossero un minimo comun denominatore di tutte le strutture. “Dopo i mirabolanti numeri fatti registrare nel precedente periodo di picco dei contagi (a marzo erano ricoverati nella struttura ben 12 pazienti!) ci saremmo aspettati che, alla ripresa dell’emergenza Covid, l’Ospedale in Fiera fosse finalmente pronto ed operativo. Ingenui noi” sostiene il sindacato. Il sarcasmo nel sottolineare: “dalle pagine di Repubblica abbiamo capito che c’è un ‘piccolo’ problema: manca il personale”, serve alla Fp Cgil a contestare “la strategia” dell’amministrazione regionale. Per cui, “come in precedenza abbiamo fatto presente che sarebbe stato utile rinnovare i contratti degli infermieri assunti tramite il bando di protezione civile, oggi diciamo a Regione Lombardia che non c’è personale da dirottare in Fiera. Il Covid-19 sta già ‘stressando’ parecchio la sanità lombarda e non ci pare ci siano le risorse, soprattutto quelle umane, per far fronte alla nuova emergenza da contagio”. Ma, in merito, la nota del Policlinico non aiuta, visto che rimanda ai “provvedimenti regionali che saranno adottati”.

La situazione è disarmante, se non imperdonabile per la proterva mancanza di previsione dell’amministrazione regionale dopo mesi difficili e drammatici di pandemia. Da qui il “consiglio, semplice semplice” del sindacato a Regione: “Quando costruisci un ospedale, ricordati che, poi, per farlo funzionare, ci vogliono medici ed infermieri”. (ta)