Seguici
18 Ottobre 2021 - 16:19
HomePubblicazioneInternazionale / “Prenditi cura di noi, così possiamo prenderci cura di te”

Internazionale / “Prenditi cura di noi, così possiamo prenderci cura di te”

Dal 27 al 30 ottobre, con giornata culmine giovedì 29, la Epsu organizza una settimana d’azione europea per la sanità e l’assistenza, oltre la pandemia

23 ott. – “In questo momento difficile, il coordinamento tra i sindacati europei, la sensibilizzazione delle Istituzioni  e la difesa dei sistemi pubblici in tutta Europa sono necessari ed importanti per rafforzare la nostra azione”. Così Nicoletta Grieco, responsabile del dipartimento internazionale della Fp Cgil, in una nota alle strutture a ridosso della settimana di mobilitazione europea per la sanità e l’assistenza organizzata dall’Epsu, la Federazione Europea dei sindacati del servizio pubblici. La mobilitazione culminerà giovedì 29 ottobre con una dimostrazione simbolica a Bruxelles che darà condivisa in diretta streaming sulla pagina Facebook @FpCgilInternational. E soprattutto sui social, per via della pandemia, si snoderà la protesta della prossima settimana, dal 27 al 30 ottobre (i materiali sono scaricabili a questo link https://epsu.org/article/european-health-action-week).

La seconda ondata del Covid-19 grava in modo pesante sulle lavoratrici e i lavoratori della sanità e del socio sanitario e l’appello alla mobilitazione è per loro. “Ci stiamo mobilitando per assicurare che gli operatori della sanità e dei servizi essenziali siano oggi protetti e per garantire basi più solide ai nostri sistemi sociosanitari, così da poter rispondere all’attuale e alle future pandemie. I miliardi messi a disposizione, da destinare ai piani di ripresa nazionali ed europei, trasformano l’immensa sfida cui siamo confrontati in un’opportunità per cambiare la sanità e l’assistenza sociale in un’ottica a lungo termine. Dobbiamo garantire, con la massima urgenza, livelli di organico sufficienti e retribuzioni dignitose, così da consentire agli operatori dei servizi socio-sanitari di fornire l’assistenza di qualità che le persone meritano” sostiene Epsu.

Grieco sintetizza i punti principali della mobilitazione: “sicurezza sul lavoro per operatori sanitari e sociosanitari; migliori condizioni di lavoro e accesso rapido alle cure; organici sufficienti e lavoro stabile per garantire un servizio sanitario pubblico efficiente ed in grado di affrontare le emergenze; innalzamento delle retribuzioni e rafforzamento della contrattazione collettiva; richiesta all’UE di riportare il finanziamento per il programma EU4health ad almeno nove miliardi di euro e di esortare tutti i paesi affinché i bilanci pubblici rispondano in modo adeguato alle esigenze dei sistemi sanitari e socio-assistenziali”. (ta)