Seguici
24 Ottobre 2021 - 6:55
HomePaviaClir: futuro in bilico

Clir: futuro in bilico

Panella (Fp Cgil Pavia): preoccupati per l’atteggiamento dei comuni consorziati alla società di raccolta rifiuti, livelli occupazionali e servizio vanno salvaguardati

16 dic. – Preoccupati per il futuro delle lavoratrici e dei lavoratori della Clir di Parona, società consorziata di 42 comuni lomellini attiva nel settore dell’igiene ambientale, i sindacati hanno chiesto un incontro urgente al consiglio di amministrazione. “Sei comuni hanno deciso di lasciare il consorzio e di affidare il servizio di raccolta rifiuti, attraverso gara, a una società esterna e altri due hanno annunciato che faranno la stessa scelta. Clir, come ha reso noto la stampa, ha anche un buco di bilancio di qualche milione di euro” racconta Riccardo Panella, segretario Fp Cgil Pavia.

Alle dipendenze della società ci sono 50 lavoratrici e lavoratori tra amministrativi e operatori. “I Comuni preferiscono lasciare anziché pensare a un rilancio aziendale, per esempio  attraverso dei contratti di servizio con la stessa società, consentendole di presentarsi alle banche in maniera diversa e magari ottenere dei crediti di cui altrimenti non potrebbe” spiega il sindacalista.

Sabato 19 dicembre dovrebbe tenersi l’assemblea dei soci del Clir. “Attendiamo l’esito, insieme alla convocazione delle organizzazioni sindacali. Riteniamo che le decisioni da assumere non possano non tenere conto del tema della tenuta dei livelli occupazionali insieme a quello della garanzia del servizio alla cittadinanza. Se non ci saranno evoluzioni positive in merito, metteremo in campo ogni azione per far sentire la voce delle lavoratrici e dei lavoratori” chiude Panella. (ta)