Seguici
18 Ottobre 2021 - 16:53
HomePubblicazioneIn Treno per la Memoria / Dalle rotaie alla rete, “dentro le scuole”

In Treno per la Memoria / Dalle rotaie alla rete, “dentro le scuole”

Cgil Cisl Uil Lombardia: “La memoria diventa uno strumento di ‘successione’, in grado di consegnare alle generazioni future le modalità di raggiungimento delle proprie libertà”

26 gen. – “Il Treno della memoria, che quest’anno dalle rotaie si trasferirà sulla rete, vuole conservare gli stessi obiettivi e ideali attraverso una modalità di condivisione interamente online”. La pandemia blocca il viaggio ad Auschwitz ma, a ridosso del 27 gennaio, Cgil Cisl Uil della Lombardia informano che il viaggio nella storia per coltivare la memoria e le coscienze non si ferma. Così i sindacati, insieme al Comitato In Treno per la Memoria, “portano il viaggio direttamente dentro le scuole”.

Come? Chiamando gli studenti lombardi delle classi terze e quarte degli istituti superiori di secondo grado a elaborare entro il 20 marzo 2021, con il contributo dell’ISREC, l’Istituto bergamasco per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea, progetti di approfondimento su argomenti che vanno dalla letteratura della deportazione e dalla poesia al cinema, alla musica, allo sport e la Shoah. Dalla deportazione femminile e politica all’antisemitismo e razzismo.

I lavori saranno fruibili on line sul nuovo sito del Comitato lombardo In Treno per la Memoria (qui: https://stage.intrenoperlamemoria.it) dove sono indicati anche tutti i dettagli delle attività.

Una volta raccolti tutti i progetti, nei singoli istituti scolastici si terranno degli incontri in videoconferenza sui temi affrontati. “La Giornata della Memoria non è soltanto occasione simbolica per rievocare il passato ma un’opportunità per rileggere anche il nostro presente e per affermare, consapevolmente e per scelta di ciascuno, i valori della convivenza e del rispetto – sostengono Cgil Cisl Uil della Lombardia – . La memoria diventa uno strumento di ‘successione’, in grado di consegnare alle generazioni future le modalità di raggiungimento delle proprie libertà, conquistate attraverso lotte, battaglie e guerre. La memoria è la radice per la salvaguardia di un modello sociale che oggi dovrebbe permettere a tutti gli esseri umani di convivere e coesistere pacificamente”. (ta)