Seguici
26 Settembre 2021 - 13:57
HomeBresciaAssistenti sociali / L’occasione della legge di Bilancio

Assistenti sociali / L’occasione della legge di Bilancio

La Fp Cgil Brescia, con il segretario generale Enzo Moriello, sollecita le amministrazioni comunali del territorio perché colgano gli stanziamenti della manovra economica per assumere assistenti sociali e stabilizzare quelli precari.

9 feb. – “Quanto accaduto sui nostri territori nell’ultimo anno ha mostrato in maniera drammatica come ad una crisi sanitaria non si possa rispondere solo con un incremento di servizi ospedalieri, ma con un investimento importante e stabile nella ricostruzione dell’intero sistema sociale e produttivo”. Questo investimento, per Enzo Moriello, segretario generale Fp Cgil Brescia, passa dall’assumere assistenti sociali e stabilizzare quelli precari per garantire “servizi di prossimità e cura ai cittadini. Sollecitiamo le amministrazioni comunali del nostro territorio a intervenire con urgenza in merito, sfruttando gli stanziamenti messi a disposizione dalla legge di Bilancio 2021”.

Il dirigente sindacale spiega che con questa legge dello Stato i fondi disponibili per reclutare personale dei servizi sociali comunali sono 40mila euro per un rapporto assistente sociale/cittadini pari a 1:5000 e 20mila euro per un rapporto pari a 1:4000.

“Sono risorse importanti sia a qualificare il lavoro di tante professionalità precarie e in balia di continui cambi d’appalto sia per riaffermare la funzione pubblica di tutela del territorio troppo spesso delegata a soggetti terzi. Dopo anni di misure orientate al mero assistenzialismo, la normativa rappresenta un primo passo verso la costruzione di un sistema integrato di salute sul territorio che tiene insieme la tutela dei cittadini e le condizioni di lavoro degli operatori” sottolinea Moriello.