6 Dec 2021
HomePubblicazioneServizi ambientali / L’attivo unitario lombardo che prepara lo sciopero nazionale

Servizi ambientali / L’attivo unitario lombardo che prepara lo sciopero nazionale

Lunedì 25 ottobre, alla Camera del Lavoro di Milano, si incontreranno e confronteranno delegate e delegati di Fp-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Fiadel. Pirri (Fp Cgil): “Lottiamo per un rinnovo contrattuale dignitoso, inclusivo e innovativo”

22 ott. 2021 – Lunedì 25 ottobre, dalle ore 9.30, alla Camera del Lavoro di Milano di corso di Porta Vittoria 43 (Salone Di Vittorio), si terrà l’attivo unitario regionale delle delegate e delegati dei servizi ambientali, in preparazione dello sciopero generale nazionale proclamato per il prossimo 8 novembre.

“La Lombardia soffre pesantemente, soprattutto in alcuni territori, della mancata applicazione della salvaguardia occupazionale durante i cambi di appalto. Questa cattiva prassi precarizza le condizioni di lavoro ma anche di vita di intere famiglie, oltre che delle operatrici e operatori interessanti, ed è un punto di lotta che rivendichiamo con forza tra le ragioni dello sciopero” dichiara Daniele Pirri, coordinatore della Fp Cgil Lombardia.

A fare scattare il via all’estrema protesta di Fp-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Fiadel nazionali, dopo 27 mesi di stallo contrattuale, il muro di gomma delle parti datoriali che paiono sorde alle richieste sindacali.

“Non solo sorde, ma anche smemorate – aggiunge Pirri -. Perché invece che fare passi avanti tornano indietro chiedendo totale flessibilità sugli orari di lavoro, ridimensionando il sistema delle relazioni sindacali, precarizzando i rapporti di lavoro ed eliminando il tetto di quelli a part-time. Inoltre non riconoscono le professionalità degli addetti agli impianti e, sul fronte economico, calcolano solo le percentuali inflattive”.

Cosa chiedono i sindacati? “Il contrario di quanto ho appena riferito. Il contratto deve essere strumento che migliora le condizioni di lavoro e la qualità dei servizi, deve essere anche, in quanto diritto, sempre più inclusivo. Da qui il nostro tenace obiettivo di arrivare a un contratto nazionale unico e di filiera, perché applicato anche a chi opera negli impianti di riciclo. Salute e sicurezza, formazione continua, più welfare contrattuale e indennità, sviluppo armonico del sistema di classificazione del personale e delle norme sul mercato di lavoro sono altri punti importanti”.

All’attivo lombardo del 25 ottobre parteciperanno Massimo Cenciotti, coordinatore nazionale Fp Cgil; Paolo Modi, coordinatore nazionale Uiltrasporti; Angelo Curcio, coordinatore nazionale Fit Cisl; Luigi Verzicco, segretario nazionale Fiadel.

Per partecipare ricordiamo che occorre il Green Pass.