30 Nov 2021
HomeIn evidenzaServizi ambientali / Il 13 dicembre è ancora sciopero nazionale

Servizi ambientali / Il 13 dicembre è ancora sciopero nazionale

Prosegue la lotta sindacale per rinnovare un contratto nazionale al palo da 29 mesi e per difendere dalla frammentazione un settore fondamentale

22 nov. 2021 – A poco più di un mese dalla protesta generale, le lavoratrici e i lavoratori dell’igiene ambientale torneranno in sciopero lunedì 13 dicembre.

I sindacati riferiscono che “l’atteggiamento intransigente delle associazioni datoriali nega ancora una volta i legittimi diritti dei lavoratori e le loro speranze di avere il rinnovo del contratto collettivo nazionale”. E così, dopo quello dello scorso 8 novembre, sciopero decisamente riuscito, “con percentuali uniche nel panorama italiano” (l’adesione è del 90%), replicano alla pervicacia datoriale con la tenacia della dignità di chi lavora, come da mandato ricevuto dall’ultimo attivo nazionale unitario.

“Evidentemente le imprese vogliono perseverare sul loro obiettivo di non far crescere industrialmente il settore e, attraverso la riduzione del costo del lavoro e la cancellazione della rappresentanza sindacale dei lavoratori e delle lavoratrici, destrutturare il settore verso la povertà – affermano Fp Cgil – Fit Cisl – Uiltrasporti e Fiadel -. Peraltro, anche oggi, dopo tante riunioni, non hanno ancora chiarito minimamente il valore economico del rinnovo contrattuale e del recupero dei mesi perduti sottolineando, però, le presunte difficoltà che il settore vive senza valorizzare il ruolo di migliaia di lavoratrici e lavoratori che garantiscono – ogni giorno – un servizio pubblico indispensabile”.

La posta in gioco è importante: “Dobbiamo fermare l’idea di chi vuole precarizzare il lavoro, di chi immagina il settore disfatto in una miriade di piccole aziende che si azzuffano in un ‘mercato’ senza regole, da chi non si è ancora reso conto che i lavoratori vanno tutelati nella loro salute e che i 29 mesi senza rinnovo contrattuale non possono essere tollerati”.

Riparte ora la campagna di sensibilizzazione rivolta a politica e cittadinanza e le assemblee nei posti di lavoro. “Lo sapevamo che la lotta sarebbe stata dura. Noi vogliamo innovare il settore e migliorare le condizioni delle operatrici e degli operatori che sono la vera forza dei servizi ambientali, un bene per tutte le cittadine e i cittadini e, come tale, da rispettare con cura” dichiara Davide Viscardi, segretario Fp Cgil Lombardia.