27 May 2022
HomeIn evidenzaFatebenefratelli di San Colombano al Lambro: presidio riuscito

Fatebenefratelli di San Colombano al Lambro: presidio riuscito

Di Bella (Fp Cgil Lodi): “Le lavoratrici e i lavoratori che non solo rivendicano il rinnovo del contratto nazionale Aris Rsa-Cdr, fermo dal 2007 e a loro vergognosamente applicato dal 2012, ma soprattutto rivendicano di rientrare nel loro legittimo contratto della sanità privata”

13 mag. 2022 – Pienamente riuscito, questa mattina, il presidio dei sindacati di categoria davanti alla sede della Regione a Lodi con le lavoratrici e i lavoratori del Centro Psichiatrico San Colombano Fatebenefratelli.

“Siamo molto soddisfatti, hanno partecipato al presidio circa 80 lavoratrici e lavoratori, un record per il Fatebenefratelli – commenta Francesca Di Bella, segretaria generale della Fp Cgil Lodi -. Oggi è stata la giornata conclusiva di una iniziativa che abbiamo messo in campo per tutta la settimana, anche con un camion-vela pubblicitario che ha fatto la spola tra Lodi e San Colombano al Lambro, per sensibilizzare sulla situazione di queste lavoratrici e lavoratori che non solo rivendicano il rinnovo del contratto nazionale Aris Rsa-Cdr, fermo dal 2007 e a loro vergognosamente applicato dal 2012, ma soprattutto rivendicano di rientrare nel loro legittimo contratto della sanità privata”.

“Stiamo manifestando perché vogliamo innanzi tutto la firma del contratto scaduto da 15 anni e poi vogliamo rientrare nella sanità privata come lo eravamo prima. Dal 2012 hanno scorporato noi e la struttura di Cernusco inventandosi questo contratto delle Rsa-Centri di riabilitazione – afferma dal presidio Maria Teresa Pizzimenti, coordinatrice Rsu per la Fp Cgil -. Faccio presente che noi siamo un Centro di riabilitazione psichiatrica dichiarato da Regione, rientriamo nell’alta intensità riabilitativa non nelle Rsa”.

La vertenza contrattuale è nazionale ma, assicura Di Bella, “agiremo ogni azione possibile, sul Fatebenefratelli e su Regione Lombardia, per vedere riconosciuti in pieno diritti delle lavoratrici e dei lavoratori. Al lavoro e alla lotta!” chiude Di Bella.