5 Mar 2024
HomeMantovaTribunale di Mantova / La Rsu denuncia condizioni di rischio ambientale per la salute

Tribunale di Mantova / La Rsu denuncia condizioni di rischio ambientale per la salute

Sottile (Fp Cgil): “Vogliamo lavorare offrire servizi alla cittadinanza in uffici salubri, sicuri, puliti e dignitosi”

14 lug. 2022 – Prevenire è meglio che curare, si sa ma spesso non si fa. Poi c’è chi, lottando, ci prova. È del 19 maggio scorso la lettera che la Rsu ha inoltrato al Presidente del Tribunale di Mantova per chiedere interventi di sicurezza dei locali, in condizioni rischiose per la salute. Appello che parrebbe raccolto ora da Enzo Rosina, vicario ad interim, fino alla nomina del nuovo Presidente, dopo che, qualche giorno fa Carmelo Leotta è andato in pensione.

“Il 26 luglio, finalmente, il Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza è stato convocato a un incontro per affrontare le criticità denunciate rispetto allo stato ambientale del Tribunale, degli uffici del Giudice di Pace e quelli dell’Unep (Uffici notificazioni, esecuzioni e protesti – ndr)” racconta Massimiliano Sottile, delegato della Fp Cgil.

 Quali sono i problemi? “La sede dell’Unep, in particolare, è vetusta e instabile e l’impianto di riscaldamento funziona male. D’inverno si lavora all’umido e al freddo, ben al di sotto della soglia minima prevista dal Testo Unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. In previsione della prossima stagione, come rappresentanze sindacali ci siamo mossi prima. È stato previsto un nuovo impianto di climatizzazione inverno/estate ma i lavori non sono stati ancora avviati – risponde Sottile -. Più in generale, è necessario verificare l’impianto elettrico in tutti gli uffici giudiziari, a partire dal Ced, il Centro elaborazione dati, e bisogna sistemare gli ascensori che funzionano male con disagi per tutti, personale e cittadini, specie se con disabilità. Insomma, serve più sicurezza, igiene e decoro: vogliamo lavorare e offrire servizi alla cittadinanza in uffici salubri, sicuri, puliti e dignitosi, non tra scrostamenti, muffe, macchie d’umidità, pavimenti con dislivelli, bagni (vedi per le cancellerie) che gridano vendetta!”.