12 Aug 2022
HomeMonza BrianzaAsst Brianza, tra accordi e la prossima stagione di contrattazione decentrata

Asst Brianza, tra accordi e la prossima stagione di contrattazione decentrata

Cellari (Fp Cgil Monza Brianza): Dall’incontro del 13 luglio sono scaturiti tre accordi e prospettive importanti

19 lug. 2022 – Tre accordi aziendali – sulle quote Rar 2022, il riconoscimento del disagio Covid, il regolamento sugli incentivi per le funzioni tecniche – sono stati siglati, nei giorni scorsi, tra Asst Brianza e sindacati per le lavoratrici e i lavoratori del comparto sanità (professioni infermieristiche, ostetriche, OSS, tecnici sanitari, amministrativi e altri profili). Nel mentre, sono stati anche fissati paletti per avviare la contrattazione decentrata su temi centrali che, come spiega Susanna Cellari della Fp Cgil Monza Brianza, riguardano “la dotazione organica e la quantificazione del personale dei vari presidi ospedalieri e territoriali; il regolamento aziendale per l’Area a Pagamento e per le quote a supporto della Libera Professione; quote e modalità di pagamento usate per retribuire le ore straordinarie a copertura delle assenze improvvise; l’accordo per gestire, in caso di eventi eccezionali, lo spostamento massivo di personale in presidi diversi dalla sede di assegnazione, vedi periodo pandemico”.

Cosa prevedono i tre accordi? “Quello sulle Risorse Aggiuntive Regionali declina la preintesa regionale per il pagamento delle quote e obiettivi aziendali. L’accordo sul compenso del disagio Covid interessa le lavoratrici e i lavoratori dei presidi di Carate e Seregno che, tra fine 2020 e inizio 2021, sono stati temporaneamente spostati al presidio di Vimercate. Per loro, dal risparmio maturato nel periodo emergenziale per inutilizzo di buoni pasto, sono stati messi a disposizione 9.110 euro. Finalmente, le loro giuste rivendicazioni trovano soddisfazione con il rimborso delle spese di viaggio sostenute in questi due anni – commenta Cellari -. Forti di questa esperienza, abbiamo chiesto di elaborare un accordo ad hoc sui criteri per la gestione di eventi straordinari che richiedano di spostare contingenti consistenti di lavoratrici e lavoratori, visto che il Covid persiste. Infine – continua la sindacalista – abbiamo firmato il regolamento obbligatorio per incentivare economicamente le funzioni tecniche del personale del comparto coinvolto negli appalti sull’acquisizione di lavori, beni e servizi. Con un altro accordo definiremo anche i criteri per il pagamento degli incentivi relativi ai fondi pregressi accantonati nel quadriennio 2018 – 2021”.