2 Dec 2023
HomePubblicazione“Ascoltate il Lavoro”

“Ascoltate il Lavoro”

Mercoledì 14 settembre a Bologna, l’assemblea nazionale delle delegate e delegati Cgil con Maurizio Landini. Vanoli (Fp Cgil Lombardia): “L’assemblea sarà occasione per riprendere due vertenze centrali per la nostra categoria: il piano straordinario di assunzioni nelle pubbliche amministrazioni e la rivendicazione della funzione strategica del lavoro pubblico, anche riparando un perimetro pubblico smembrato da privatizzazioni e esternalizzazioni che fanno male alla qualità dei servizi e dei diritti di chi ci lavora”

12 sett. 2022 – All’appello “Ascoltate il Lavoro”, mercoledì prossimo, 14 settembre, si terrà in Piazza Lucio Dalla a Bologna, l’assemblea nazionale delle delegate e dei delegati della Cgil, con le conclusioni del segretario generale Maurizio Landini.

L’iniziativa, dalle ore 10.30, rappresenta una delle tappe con cui il sindacato del quadrato rosso vuole ribadire e rilanciare le proposte per rimettere il buon lavoro al centro, per affermare l’equità e la giustizia sociale, il sostegno da dare a lavoratrici e lavoratori sempre più in difficoltà e alle persone che faticano a vivere, a partire da quelle più fragili.  Per ribadire i valori della solidarietà, della democrazia e della pace.

“Stiamo vivendo un momento difficile e particolarmente delicato, tra pandemia, effetti della guerra in Ucraina e rincaro dei costi energetici, crisi del lavoro, sempre più povero e precario. Un momento che, acuito dai problemi dell’attualità, è esito di politiche miopi di anni e anni che non hanno investito sul potenziale complessivo del nostro Paese e che hanno addirittura tagliato su un settore centrale come quello del lavoro pubblico che eroga diritti di cittadinanza, dal ben-essere alla protezione delle persone, un motore di sviluppo su cui va invece fatta quanto più leva” sostiene Manuela Vanoli, segretaria generale della Fp Cgil Lombardia.

“Per questo anche l’assemblea del 14 settembre sarà occasione per riprendere due vertenze centrali per la nostra categoria: il piano straordinario di assunzioni nelle pubbliche amministrazioni e la rivendicazione della funzione strategica del lavoro pubblico, anche riparando un perimetro pubblico smembrato da privatizzazioni e esternalizzazioni che fanno male alla qualità dei servizi e dei diritti di chi ci lavora” aggiunge la dirigente sindacale.

Il sindacato che rappresenta le lavoratrici e i lavoratori della Funzione Pubblica partecipa quindi alla mobilitazione confederale con lo sguardo di chi, già per missione istituzionale, ha cura delle persone.

“Ci preoccupa molto la crisi energetica. L’abbassamento delle forniture elettriche in ambiti energivori quali, ad esempio, gli ospedali e le Rsa, non sono ammissibili mettendo a rischio la salute. Ma che tutte le amministrazioni pubbliche, in ragione di questa crisi, avranno meno risorse economiche per il personale e i servizi è una questione che va affrontata subito, a tutela dell’intero Paese – incalza Vanoli -. Tema salariale e tema dei diritti si legano insieme. C’è la nuova legge di bilancio in vista e ci sono le risorse del Pnrr, il piano nazionale di ripresa e resilienza, da non sprecare. Perciò, come per tutto il mondo del lavoro, pubblico e privato, ma anche tutte le cittadine e i cittadini, chiediamo, con Maurizio Landini, tra gli interventi di sostegno, che venga operata una redistribuzione degli extraprofitti fatti attraverso le speculazioni d’impresa sui prodotti energetici, perché è necessario salvaguardare salari e pensioni, livelli occupazionali, servizi. Come va difeso e rilanciato con forza lo stato sociale. La Cgil ha presentato da tempo proposte a tutto campo, riprese e declinate anche dalla nostra Fp. Ma è necessario ascoltarle davvero”.

L’assemblea della Cgil sarà trasmessa in diretta anche sulla pagina Facebook della Fp Cgil Lombardia.

Manifesto