16 Apr 2024
HomeMilanoIPM Beccaria Milano: aggredito un poliziotto penitenziario. FP CGIL: Urgono interventi, a partire dalle nuove assunzioni necessarie

IPM Beccaria Milano: aggredito un poliziotto penitenziario. FP CGIL: Urgono interventi, a partire dalle nuove assunzioni necessarie

Comunicato stampa FP CGIL Lombardia – FP CGIL Milano

21 ottobre 2022 – All’Istituto Penale Minorile Beccaria di Milano, nei giorni scorsi, un poliziotto penitenziario è stato aggredito da tre persone detenute e ha dovuto ricorrere al Pronto soccorso per le numerose contusioni riportate.

“La situazione è ormai insostenibile e merita attenzione da parte delle Istituzioni preposte e dall’Amministrazione” dichiara il Coordinatore Regionale della FP CGIL Lombardia Polizia penitenziaria, Calogero Lo Presti.

All’IPM il tasso di sovraffollamento è sempre più elevato: “su una capacità di 36 posti letto la popolazione detenuta varia da 43 fino a 49 persone. L’apertura del nuovo padiglione è ferma oramai da anni. Viceversa, per la Polizia Penitenziaria registriamo una gravissima carenza di personale, basti pensare ai 12 poliziotti trasferiti verso altre strutture e mai rimpiazzati” riferisce Lo Presti.

“I lavoratori, già in difficoltà per i carichi di lavoro, non si sentono tutelati, l’ambiente lavorativo è divenuto pesante ed ingestibile. Lo stress li sta attanagliando. Praticamente siamo dinanzi ad un caos ed eventi critici senza che l’Amministrazione adotti dei seri provvedimenti. Siamo molto preoccupati che l’ambiente possa degenerare” sostiene il Coordinatore Regionale.

“La FP CGIL ha più volte denunciato a tutti i livelli dell’Amministrazione della Giustizia Minorile le condizioni in cui versa il Beccaria. Bisogna prendere provvedimenti seri, concreti, e gestire questa pericolosa situazione che difficilmente, restando tale, potrà fare svolgere compiutamente all’Istituto i suoi compiti. Bisogna intanto assumere tutto il nuovo personale necessario. Tenendo anche conto che le carenze di organico stanno anche avendo ricadute sull’attività amministrativa che viene sacrificata per fare fronte alle diverse incombenze, tra qui gli spostamenti tra carceri – afferma Cesare Bottiroli, segretario della FP CGIL milanese -. All’agente aggredito va tutta la solidarietà del nostro sindacato. La salute e sicurezza nei luoghi di lavoro è per noi una priorità e continueremo a perseguirla con determinazione”.

Comunicato stampa