17 Jul 2024
HomePaviaAsm Pavia / Accordo sul ricambio generazionale

Asm Pavia / Accordo sul ricambio generazionale

Pirri (Fp Cgil): “Con l’azienda stiamo condividendo un percorso per fare in modo che per gli operatori ecologici in difficoltà a svolgere il servizio, perché ormai di una certa età e con limitazioni fisiche, ci possano essere scivoli pensionistici. Nessuno deve essere lasciato indietro”

15 mag. 2023 – Accordo tra la municipalizzata del settore igiene urbana Asm Pavia e i sindacati sul ricambio generazionale del personale.

“È un buon accordo, ne siamo soddisfatti – commenta Daniele Pirri, segretario della Fp Cgil pavese -. Con l’azienda stiamo condividendo un percorso, usando tutti gli strumenti normativi e contrattuali disponibili, per fare in modo che per gli operatori ecologici in difficoltà a svolgere il servizio, perché ormai di una certa età e con limitazioni fisiche, ci possano essere scivoli pensionistici – racconta -. Come documentano gli studi, quello dell’igiene ambientale è un lavoro usurante e diventa pertanto sempre più gravoso andando avanti con gli anni. Così con Asm definiremo delle linee guida, con criteri quanto più oggettivi possibile, per valutare quanti, tra i 120 lavoratori e lavoratrici in essere, potrebbero andare in pensione prima, venendo sostituiti da operatori più giovani. Nessuno deve essere lasciato indietro e il nostro obiettivo – aggiunge il sindacalista – è che a fine ciclo si esca col 100% della retribuzione. Come Cgil facciamo anche istanza di un maggior numero di assunzioni, per una migliore distribuzione dei carichi di lavoro”.

L’accordo contempla altre questioni? “Abbiamo ottenuto che il vestiario venga lavato dall’azienda. È un passaggio molto importante in termini di salute e sicurezza per i lavoratori e le lavoratrici, per evitare che portino in casa il rischio biologico. La Fp Cgil con i Vigili del Fuoco sta facendo da tempo una battaglia per ottenere questa misura di salvaguardia che eviterebbe la contaminazione di sostanze tossiche anche dei propri famigliari. Auguro che ci riescano quanto prima. Noi siamo soddisfatti, per la nostra parte, di avercela fatta. Un altro punto di rilievo – prosegue Pirri – è aver concordato l’individuazione di una persona in Asm per la manutenzione dei mezzi. Questa operazione di internalizzazione farà risparmiare sui tempi di messa a punto e quindi sull’efficienza del servizio da erogare alla cittadinanza. Ma abbiamo anche ritoccato al rialzo l’importo economico dei buoni pasti per chi fa il cosiddetto ‘lavoro spezzato’ e dunque non rientra a casa. In coerenza con quanto riconosciuto da Asm Pavia ai colleghi con contratto collettivo Gas-Acqua, anche ai lavoratori a cui viene applicato il contratto collettivo Igiene Ambientale sarà corrisposto un importo economico con la massima detassazione, che si traduce in due euro in più”.