26 Feb 2024
HomePaviaOspedale di Stradella, un esempio in piccolo di un problema grande

Ospedale di Stradella, un esempio in piccolo di un problema grande

La Fp Cgil Pavia, con Patrizia Sturini, torna alla carica nel denunciare le carenze di personale in sanità pubblica

15 mag. 2023 – “Senza personale sanitario non verrà garantito il diritto alla salute. Siamo molto preoccupati per la situazione della sanità pubblica nel nostro territorio. A Stradella, ad esempio, da tempo al pronto soccorso mancano tre medici, e l’ospedale è in difficoltà per la carenza di infermieri, tanto più dopo le dimissioni di quattro di loro. I posti letto a Medicina vengono ridotti, parte dei posti letto spostati in altri reparti per non perdere i requisiti di accreditamento. La presa in carico di tutti i pazienti non riesce, per cui possono essere dirottati in altre strutture, anche a distanza di chilometri. Non si può continuare così!”. A parlare è Patrizia Sturini della Fp Cgil Pavia, che da anni insiste sul tema occupazionale e sulla valorizzazione come fondamentali per la sanità pubblica.

Ai concorsi si presentano poche persone, la motivazione di chi lavora nelle strutture sanitarie pubbliche diminuisce di giorno in giorno, mentre la fatica non smette mai. Dopo il picco del Covid, dove le lavoratrici e i lavoratori hanno dato tutto, i carichi di lavoro senza il personale adeguato sono un peso costante che via via si fa sentire troppo gravoso. Si avvicina poi il periodo delle ferie, un diritto costituzionale. Asst dovrebbe poter pianificare adeguatamente le attività, con un’organizzazione del lavoro che non ricada sugli operatori e senza un’ulteriore stretta ai servizi. Per questo è fondamentale che anche la sanità territoriale, con le case e gli ospedali della comunità, funzionino bene e facciano da filtro alla corsa disorientata della popolazione verso i pronto soccorso – incalza Sturini -. Ma questo succederà se e quando si investirà davvero nel sistema sociosanitario, nell’integrazione tra rete pubblica e rete territoriale, e con un numero di operatrici e operatori all’altezza dei fabbisogni di salute e soddisfatti di esserlo”.