26 Feb 2024
HomeLeccoCasa dei Ragazzi di Olgiate Molgora / Sindacati contro il cambio unilaterale del contratto

Casa dei Ragazzi di Olgiate Molgora / Sindacati contro il cambio unilaterale del contratto

disabili rsd

La Rsd vuole applicare a tutto il personale il contratto Uneba, disapplicando il ccnl Funzioni Locali a 34 lavoratrici e lavoratori. Elmo (Fp Cgil Lecco): “Scelta scellerata. Andremo fino in giudizio se necessario”

17 mag. 2023 – La Casa Dei Ragazzi di Olgiate Molgora è una Rsd, una residenza sanitaria per persone disabili. Uno di quegli enti che, con la riforma del 2003, sono stati privatizzati sdoppiando il contratto applicato alle lavoratrici e ai lavoratori: a quelli già in essere il ccnl degli enti locali, ai nuovi assunti il ccnl Uneba.

“Alle dipendenze della Casa dei Ragazzi ci sono 59 persone, 25 con il contratto pubblico, 34 con quello privato. Ora con atto unilaterale il consiglio di amministrazione della Rsd ha deciso di applicare a tutti il contratto Uneba. Una scelta inaccettabile nel merito e nel metodo, che, insieme alla Cisl, abbiamo contestato e contesteremo in toto”, attacca Teresa Elmo, segretaria generale della Fp Cgil Lecco.

Quali sono questi merito e metodo? “Riteniamo che l’azienda voglia fare solo cassa, riducendo il costo del personale, alla faccia dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori che non sono stati coinvolti in questa decisione né hanno mai avuto segnali in merito. Il cda li ha informati, insieme a Rsu e a noi organizzazioni sindacali, lo scorso 7 aprile. Una scelta scellerata. Abbiamo mandato una lettera di diffida e le lavoratrici e i lavoratori in una lettera hanno espresso tutta la loro amarezza per questa situazione, che vivono come mancanza di rispetto e mortificazione della loro professionalità al servizio di persone fragili”.

Come intendete muovervi? “Organizzeremo azioni di protesta, anche nel giorno in cui verrà inaugurata la nuova struttura. E andremo avanti con la lotta, andremo fino in giudizio se necessario. L’esperienza della vicenda all’Associazione La Nostra Famiglia insegna: giù le mani dal contratto legittimo dei dipendenti!”

Comunicato stampa