14 Jul 2024
HomeBresciaAiop Rsa / Continua il pressing delle categorie di Cgil Cisl Uil per un cambio di rotta

Aiop Rsa / Continua il pressing delle categorie di Cgil Cisl Uil per un cambio di rotta

Presidio regionale sciopero Aiop Rsa

Oggi lo sciopero nazionale delle lavoratrici e dei lavoratori. Tramparulo (Fp Cgil Lombardia): “Il nostro obbiettivo finale è il contratto nazionale unico di settore. Ma intanto Regione blocchi gli accreditamenti a quelle strutture che applicano il contratto pirata”

27 sett. 2023 – Dopo l’incontro in Prefettura, davanti alle lavoratrici e lavoratori del presidio regionale, il segretario Fp Cgil Lombardia Lello Tramparulo ha detto: ““Noi vogliamo il contratto unico tra Aiop Rsa e Aris Rsa. L’obiettivo è riunire quei due contratti”.

Come Aiop e Aris hanno fatto con il contratto nazionale della sanità privata.

Invece, sottobanco, l’Aiop (Associazione Italiana Ospedalità Privata) ha smentito sé stessa, rispetto alla prospettiva concordata nel giugno 2020, siglando un contratto separato con l’Ugl, non rappresentativa del settore, a differenze delle categorie di Cgil Cisl Uil.

Da qui lo sciopero nazionale odierno delle lavoratrici e lavoratori cui viene applicato questo ccnl pirata Aiop Rsa, e la mobilitazione con presidi in tutto il territorio nazionale.

Se il traguardo ultimo è quello di riunire la filiera e applicare a tutto il personale che lavora nel socio sanitario assistenziale un unico ccnl, intanto bisogna fare i conti con l’immediata realtà di un contratto Aiop Rsa al ribasso e dunque penalizzante per le lavoratrici e lavoratori sia in termini salariali che di diritti normativi.

E mentre a livello nazionale i sindacati continuano a fare pressing sull’Associazione, in aggiunta allo sciopero, a livello regionale il tentativo è di schiodare gli enti governativi locali dalla loro incuranza.

Lello Tramparulo“In una Lombardia dove a livello sanitario c’è stata l’equipollenza tra pubblico e privato, abbiamo chiesto a Regione, ancora silente, di agire il suo ruolo di garante, visto che le strutture accreditate prendono soldi pubblici, verificando dove viene applicato il contratto pirata Aiop Rsa e quindi dove si fa dumping contrattuale. Uno dei criteri per assegnare gli accreditamenti deve essere infatti la piena titolarità di un contratto nazionale firmato dalle organizzazioni sindacali più rappresentative. Diversamente Regione asseconda e diventa complice di una stortura sulla pelle delle lavoratrici e dei lavoratori – evidenzia Tramparulo –. Ora vediamo le evoluzioni ai tavoli nazionali. Ma senza le risposte adeguate, la nostra lotta va avanti”.

Al presidio regionale erano presenti delegazioni sindacali di Brescia, Mantova, Milano, Monza Brianza. A Pavia è stato fatto un volantinaggio davanti a Villa Vanni di Rivanazzano Terme (gestita da Sereni Orizzonti). Ancora in Brianza, si sono aggiunti presidi alle Residenze Assistite Groane di Cesano Maderno e alle Residenze Assistite Attanasio Limbiate (Gruppo Gheron).