17 Jul 2024
HomeMilanoAsst Melegnano Martesana / Siglato il primo contratto integrativo

Asst Melegnano Martesana / Siglato il primo contratto integrativo

firma contratto integrativo Asst Melegnano

Bagnaschi (Fp Cgil Milano): “Trattative complesse e lunghe. Ma abbiamo raggiunto un ottimo risultato. Diciamo grazie al lavoro prezioso dei nostri delegati Salvatore Pepe, Emiliano Zambarbieri, Pierluigi Corsini”

21 nov. 2023 – Siglato il contratto integrativo alla Asst Melegnano Martesana.

“Le trattative sono state complesse e lunghe. L’ultimo tavolo è andato avanti un’intera giornata, l’abbiamo lasciato alle 3 di mattina, lo scorso 16 novembre ma, finalmente, abbiamo sottoscritto il primo integrativo da quando è stato rinnovato il contratto nazionale per il comparto della sanità pubblica”, racconta Antonio Bagnaschi della Fp Cgil Milano.

Punti salienti dell’accordo? “600 mila euro dedicati ai differenziali economici di professionalità (Dep), istituto che sostituisce le vecchie fasce, e che si traduce in una boccata d’ossigeno per le retribuzioni di centinaia tra lavoratrici e lavoratori della Asst – risponde il sindacalista -. L’indennità per il lavoro notturno è stata alzata a 4.80 euro, l’aumento più importante registrato in provincia di Milano. È previsto, ed è una delle novità, un fondo legato al disagio per i rientri in servizio e gli spostamenti di sede. E il premio di produzione verrà distribuito a tutte e tutti grazie a una nuova scheda di valutazione. Va sottolineato – aggiunge Bagnaschi – che le trattative si sono dovute di continuo ricalibrare, data la complessità dei temi trattati in prima applicazione e, va ribadito, in ragione della carenza di risorse economiche. Ma abbiamo raggiunto un ottimo risultato”.

Altro? “Questo integrativo non sarebbe stato possibile senza il prezioso contributo dei nostri delegati Fp Cgil nell’ente, da Salvatore Pepe, coordinatore Rsu, a Emiliano Zambarbieri, responsabile del comitato iscritti, e a Pierluigi Corsini, una vera autorità in tema di fondi economici. Li ringraziamo per il loro lavoro”.