16 Apr 2024
HomeNews21 marzo, Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

21 marzo, Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

Nella XXIX Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, di tutte, dal sito di Libera prendiamo in ordine cronologico i nomi delle persone uccise in Lombardia.

Tra loro anche lavoratori pubblici: vigili del fuoco, vigili urbani, educatori carcerari.

Li ricordiamo tutte e tutti, donne, uomini, giovani, pezzi di cuore.

Enrico Mattei, Bescapè (PV), 27 ottobre 1962, 56 anni, imprenditore e dirigente pubblico
Emanuele Riboli, Buguggiate (VA), 14 ottobre 1974, 17 anni, studente
Luisa Fantasia, Milano, 14 giugno 1975, 32 anni, moglie di un carabiniere sotto copertura
Pierantonio Castelnuovo, Lecco, 6 settembre 1976, 42 anni, operaio
Augusto Rancilio, Cesano Boscone (MI), 2 ottobre 1978, 26 anni, architetto
Paolo Giorgetti, Meda (MI), 9 novembre 1978, 16 anni, studente figlio di un industriale mobiliere
Giorgio Ambrosoli, Milano, 11 luglio 1979, 46 anni, avvocato, commissario liquidatore della Banca privata italiana
Adelmo Fossati, Missaglia (LC), 7 luglio 1980, 35 anni, pilota e titolare di una concessionaria di auto
Gianfranco Trezzi, Vigevano (PV), 10 dicembre 1988, imprenditore
Andrea Cortellezzi, Tradate (VA), 17 febbraio 1989, 21 anni, figlio di un piccolo industriale
Domenico ‘Mimmo’ Falcone, Bollate (MI), 24 marzo 1990, 22 anni, figlio del proprietario del bar Caruso
Umberto Mormile, Carpiano (MI), 11 aprile 1990, 36 anni, educatore al carcere di Opera
Piero Carpita, Bresso (MI), 15 settembre 1990, 46 anni, portinaio
Luigi Recalcati, Bresso (MI), 15 settembre 1990, pensionato
Roberto Ticli, Varese (VA), 1 dicembre 1990, 24 anni, carabiniere
Antonio Muto, Colonie Padane (CR), 7 settembre 1992, 39 anni, manovale
Giorgio Vanoli, Varese, 6 giugno 1993, 27 anni, appuntato dei carabinieri
Moussafir Driss, Milano, 27 luglio 1993, 44 anni, cittadino marocchino
Alessandro Ferrari, Milano, 27 luglio 1993, 29 anni, vigile urbano
Carlo La Catena, Milano, 27 luglio 1993, 25 anni, vigile del fuoco
Sergio Pasotto, Milano, 27 luglio 1993, 34 anni, vigile del fuoco
Stefano Picerno, Milano, 27 luglio 1993, 36 anni, vigile del fuoco
Pietro Sanua, Corsico (MI), 4 febbraio 1995, 47 anni, ‘sindacalista dei fioristi’, dirigente dell’Associazione nazionale venditori ambulanti nel milanese
Ambrogio Mauri, Desio (MB), 21 aprile 1997, 67 anni, imprenditore
Luca Cottarelli, Urago Mella (BS), 28 agosto 2006, 17 anni, figlio di un imprenditore
Lea Garofalo, Milano, 24 novembre 2009, 35 anni, testimone di giustizia.

-> Sul sito di Libera le loro storie, e l’elenco completo delle 1081 vittime per mano di mafie dal 1861 >>>

Su Collettiva.it:

-> Landini: “Con la libertà del lavoro si combatte la mafia”. Il leader della Cgil durante il corteo romano: “Sconfiggere la criminalità organizzata vuol dire anzitutto rendere le persone autonome e non ricattabili” >>>

-> Un Paese libero dalle mafie. Il lavoro costruisce legalità. Le prime vittime della criminalità organizzata e dell’infiltrazione nell’economia sono ì lavoratori. Parla Alessio Festi, Cgil, intervistato da Roberta Lisi  >>>

-> Il ricordo delle vittime di mafia nel primo giorno di primavera. Ogni anno dal 1996 per non dimenticare e per chiedere giustizia. Una giornata da celebrare che riguarda tutte e tutti noi, di Ilaria Romeo >>>