24 May 2024
HomePubblicazioneIndennità di Ps / Riunione on line Fp Cgil Medici Lombardia il 16 maggio

Indennità di Ps / Riunione on line Fp Cgil Medici Lombardia il 16 maggio

indennità ps banner

Il segretario Bruno Zecca “Fondamentale che il sindacato crei lo spazio per un confronto diretto con le mediche e i medici del settore, ‘h24 x 365 giorni’, per condividere il punto politico tenuto al tavolo regionale e i criteri di ripartizione delle risorse”

15 mag. 2024 – “Indennità di pronto soccorso: cosa è? A chi spetta?”. La Fp Cgil Lombardia Medici e Dirigenti Ssn, con il segretario Bruno Zecca, convoca una riunione in materia per giovedì 16 maggio, alle ore 20.30, su Zoom.

Il nuovo contratto nazionale ha introdotto l’indennità di PS, un passo molto importante non solo perché potranno essere erogati gli arretrati a partire dal 2022 ma soprattutto perché, per la prima volta, attraverso l’istituto dell’indennità, viene riconosciuto il disagio dei nostri Pronto Soccorso. La riunione di domani è l’occasione per accendere i riflettori sulla complessità e le dure condizioni lavorative cui sono chiamati a operare quotidianamente molte colleghe e colleghi”, spiega il medico sindacalista.

Il tavolo con Regione Lombardia?

“Come Fp Cgil, abbiamo chiesto a Regione di aprire un confronto più ampio rispetto alla mera partita delle risorse economiche arretrate, in una cornice che riguardi più in generale la crisi profonda che sta attraversando l’intero sistema dell’emergenza-urgenza regionale e, più in particolare, i fattori determinanti che stanno accelerando la preoccupante fuga dei professionisti dai Pronto Soccorso. Di questo passo rischiamo di perdere definitivamente un patrimonio di competenze, professionalità e qualità che hanno rappresentato un fiore all’occhiello, silenzioso e discreto, del nostro Servizio Sanitario Nazionale – risponde all’inizio Zecca -. Purtroppo, questa prima fase del confronto ha registrato una battuta di arresto a causa di alcuni dati che, a nostro avviso non sono omogenei e rischiano di tradire lo spirito della normativa oltre che danneggiare la platea dei potenziali beneficiari”.

Quindi?

“Abbiamo chiesto maggiori dettagli sui dati e, soprattutto, un metodo condiviso di lettura degli stessi che consenta di fare la fotografia ‘reale della situazione dei nostro Pronto Soccorso’. Da questo tavolo ci aspettiamo di capire qual è la reale situazione delle esternalizzazioni che, a quanto ci risulta, sono ancora molto diffuse”.

Ti riferisci ai medici a gettone?

“Nonostante le disposizioni regionali sui cosiddetti medici gettonisti, molti turni nei PS della Lombardia sono appannaggio delle cooperative, con medici spesso non specialisti o specialisti in discipline lontane dalla cultura dell’emergenza-urgenza. Questo è il chiaro segno dell’‘emergenza nell’emergenza’ che stiamo affrontando, dell’impoverimento del nostro Servizio Sanitario Regionale in termini di professionalità e dell’impotenza del decisore politico a contrastare tale deriva – afferma Zecca -. Per questo ci aspettiamo nel confronto regionale di iniziare un percorso che, partendo dall’indennità, affronti tutti i nodi della crisi del sistema Emergenza-urgenza regionale”.

Da qui, per fare il punto, la riunione serale di giovedì 16 maggio.

“È altrettanto fondamentale che il sindacato crei lo spazio per un confronto diretto con le mediche e i medici del settore, ‘h24 x 365 giorni’, per condividere il punto politico tenuto al tavolo regionale e i criteri di ripartizione delle risorse”.

Volantino (pdf)

Link per partecipare alla riunione: https://us06web.zoom.us/j/81053457948?pwd=u1lof744jG06rR6N44ZRHaH4OgtN3h.1