16 Jun 2024
HomeMantovaOspedale di Suzzara / Accordo sul cambio di gestione, ancora non per tutto il personale

Ospedale di Suzzara / Accordo sul cambio di gestione, ancora non per tutto il personale

striscione Fp Cgil Mantova

Giusti e Tomasini (Fp Cgil Mantova): “Personale ospedaliero tutelato dall’intesa. Restano fuori 38 lavoratrici e lavoratori ausiliari che, senza copertura della clausola sociale, il 30 giugno saranno lasciati a casa. Vanno invece salvaguardati anche tutte e tutti loro”

17 mag. 2024 – All’Ospedale Fratelli Montecchi di Suzzara, preso atto che la sperimentazione pubblico-privato continuerà, la gestione viene affidata, per i prossimi dieci anni, alla Nima srl, società del Gruppo Mantova Salus di Guerrino Nicchio, appositamente creata allo scopo.

“Dopo l’esame congiunto, abbiamo siglato un accordo con Nima, il Gruppo Kos che passa il testimone e la Asst Mantova che è la committente. Con questa intesa, dal prossimo 1° luglio, 255 lavoratori e lavoratrici tra personale medico, infermieristico, socio assistenziale e amministrativo, saranno riassunti dal nuovo datore di lavoro con il mantenimento delle condizioni economiche e normative del contratto della Sanità privata e la garanzia di essere tutelati alle migliori condizioni”, raccontano con soddisfazione, Elena Giusti, segretaria generale Fp Cgil Mantova, e Magda Tomasini, segretaria della categoria.

C’è un problema, però, ancora da risolvere, per il quale la soddisfazione si divide con la preoccupazione. “Ci sono 38 lavoratrici e lavoratori, addetti ai servizi ausiliari (dalla mensa alle pulizie alla manutenzione del presidio ospedaliero), che non hanno avuto la copertura della clausola sociale perché Asst Mantova non ha voluto inserirli nel bando di gara. Queste persone perderanno il posto di lavoro con il prossimo 30 giugno. Kos ha attivato la procedura di licenziamento collettivo – denunciano Giusti e Tomasini -. Noi rivendichiamo che questa sia invece l’occasione per valorizzare questo personale, garantendo la loro assunzione e le condizioni economiche e normative migliori delle attuali. Vanno salvaguardati anche tutte e tutti loro”.

La Fp Cgil ha chiesto un incontro a Nima alla presenza di Asst, incontro fissato per venerdì 24 maggio.