14 Jul 2024
HomeUfficio StampaGiovedì 11 luglio Attivo Unitario lavoratrici e lavoratori Aiop e Aris Sanità Privata e Rsa/Cdr. A seguire, conferenza stampa sulle ragioni del prossimo sciopero nazionale

Giovedì 11 luglio Attivo Unitario lavoratrici e lavoratori Aiop e Aris Sanità Privata e Rsa/Cdr. A seguire, conferenza stampa sulle ragioni del prossimo sciopero nazionale

locandina

Milano, 3 luglio 2024 – Per il prossimo settembre, Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl hanno proclamato lo sciopero nazionale delle lavoratrici e dei lavoratori della Sanità Privata, delle Rsa e dei Centri di Riabilitazione afferenti ai contratti di Aiop e Aris.

 In preparazione dello sciopero, in Lombardia, le categorie regionali organizzano a Milano (Sala Gregorianum, via Settala 27), per giovedì 11 luglio, dalle ore 10.30 alle 12.30, un Attivo unitario, subito seguito da una conferenza stampa.

“‘Siamo stanchi di aspettare! Contratto Subito!’, chiedono le lavoratrici di questi due settori. L’ultimo contratto della Sanità Privata Aiop Aris è stato rinnovato nel 2020 dopo ben 14 anni di vergognoso blocco. Le stesse parti datoriali, per il contratto Rsa/Cdr hanno prima firmato due accordi ponte al fine di arrivare, come fatto nella Sanità Privata, a un unico contratto di settore, poi hanno messo le mani avanti al tavolo di trattativa nazionale, venendo meno agli impegni presi. Intollerabile! dichiarano Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl della Lombardia -. Per questo la nostra protesta, dopo l’indizione degli stati di agitazione, prosegue fino allo sciopero. Per affermare rinnovi contrattuali dignitosi e valorizzanti, con diritti che riconoscano la funzione pubblica di queste lavoratrici e lavoratori, dipendenti di enti accreditati da Regione e che erogano servizi di assistenza e cura alla popolazione”.

All’Attivo regionale dell’11 luglio per le segreterie regionali saranno presenti, Catello Tramparulo e Sabrina Negri (Fp Cgil), Angela Raffaella Cremaschini (Cisl Fp), Daniele Ballabio (Uil Fpl).

Parteciperanno anche le segreterie nazioni di categoria con Barbara Francavilla (Fp Cgil), Roberto Chierchia (Cisl Fp), Ciro Chietti (Uil Fpl).

Comunicato stampa