9 Dec 2021
HomePubblicazioneFondazione Scuole Civiche, servono nuove risorse per il futuro

Fondazione Scuole Civiche, servono nuove risorse per il futuro

Dopo l’incontro in Comune con la Commissione Cultura, si punta a un emendamento al bilancio che dia respiro all’ente

11 feb. – Il 4 febbraio scorso la Funzione Pubblica Cgil Milano è stata ricevuta dalla Commissione Cultura del Comune di Milano insieme alle altre organizzazioni sindacali e a una delegazione di lavoratori e studenti della Fondazione Milano Scuole Civiche. Il Comune, socio unico della Fondazione che gestisce i quattro istituti, nel corso degli ultimi anni ha progressivamente tagliato i finanziamenti all’ente e, ora, questi tagli rischiano di incidere in maniera importante sulla didattica mentre i contratti dei dipendenti collaboratori hanno già subito una riduzione anche economica.

Già lo scorso 20 gennaio, lavoratori e studenti erano scesi in piazza per denunciare l’incertezza nella quale si trovano le quattro scuole, istituti di alta formazione che consentono di ottenere diplomi equivalenti a una laurea. Si tratta di un’eccellenza della cultura cittadina messa a rischio dalle politiche del Comune. Il 3 febbraio, un giorno prima dell’incontro tra i sindacati e la commissione, Fondazione Milano aveva inaugurato l’anno accademico alla presenza del Ministro alla cultura Franceschini, del sindaco di Milano Sala e degli assessori alla cultura di regione e comune, Galli e Del Corno. Tutti i rappresentanti delle istituzioni hanno riconosciuto le Scuole Civiche come l’eccellenza della formazione milanese, nazionale e internazionale. Il sindaco ha anche dato la propria disponibilità ad accompagnare la Fondazione lungo un percorso che dovrebbe prevedere anche l’ingresso di nuovi soci e di ulteriori capitali. Nel frattempo le risorse stanziate sono scarse e diminuiscono ogni anno.

“Siamo preoccupati – commenta Emilia Natale, la funzionaria della FP CGIL Milano che segue la vicenda – certo le istituzioni ci ricevono, ci ascoltano e riconoscono l’importanza di queste scuole, ma non si può continuare a sventolare la bandiera dell’eccellenza e poi tagliare i fondi, bisogna accettare che per mantenere lo standard formativo servono investimenti seri; non ci bastano proposte e buone intenzioni, vogliamo certezza sulle azioni concrete che si vogliono realizzare per dare un futuro stabile a Fondazione Scuole Civiche di Milano. L’aspettativa è che dopo l’incontro di martedì 4 febbraio in Commissione qualcosa si muova per un emendamento al bilancio comunale che aumenti le risorse destinate alla Fondazione”. (Matteo Palma)