6 Dec 2021
HomeBresciaRsa Casa di Dio di Brescia / Accordo sui tempi di vestizione e consegna

Rsa Casa di Dio di Brescia / Accordo sui tempi di vestizione e consegna

Lazzaroni (Fp Cgil): Un importante accordo apripista, che riduce il gap tra lavoratrici e lavoratori che operano fianco a fianco con contratti diversi e allinea il personale delle Rsa con ccnl Uneba al personale sanitario pubblico e privato

20 sett. 2021 – Siglato a Brescia un accordo sui tempi di vestizione e consegna alla Fondazione Casa di Dio. “Questa è un’importante intesa apripista e si colloca nell’ambito di un impegno che come Fp Cgil Brescia stiamo portando avanti per superare le diverse condizioni di lavoro nelle 90 Rsa della nostra provincia, con l’obiettivo di sempre, cioè di riconoscere stesso salario e stessi diritti a chi fa lo stesso lavoro”, afferma la segretaria Nadia Lazzaroni.

“Le Rsa sono gli ex istituti pubblici di assistenza e beneficenza (Ipab) convertiti dalla Regione Lombardia nel 2003 in aziende di diritto privato. Qui, sotto un medesimo modello di turnazione, si applicano contratti di lavoro diversi: Funzioni locali, con 36 ore settimanali, e Uneba, con 38 ore” spiega la sindacalista.

Qual è il punto centrale dell’accordo sottoscritto? “Il contratto Uneba, a differenza di quello delle Funzioni locali, prevede la possibilità di chiedere, con la contrattazione aziendale, anche i tempi di vestizione e consegna. Con metodo inclusivo, abbiamo cercato di ridurre le differenze tra i due gruppi di lavoratrici e lavoratori negoziando sull’opportunità di aggiungere i 14 minuti di vestizione (finora non esigibili, ancorché utilizzati per indossare e togliere la divisa e passare le consegne) a ogni turno. Questo per ridurre il debito di circa 8 ore mensili o di un giorno lavorato in più da chi ha il contratto Uneba. L’accordo con la Fondazione, dunque – racconta Lazzaroni -, riduce il gap contrattuale tra lavoratrici e lavoratori che operano fianco a fianco e allinea il personale delle Rsa con ccnl Uneba al personale sanitario pubblico e privato che ha ottenuto vestizione/svestizione e consegna dal contratto nazionale.

La Fp Cgil Brescia – aggiunge – nel garantire costante presidio e tutela delle operatrici e operatori che, ogni giorno, si fanno carico della cura delle persone più fragili e che devono sopperire alle carenze di organici e di risorse economiche delle Rsa, ricerca costantemente soluzioni che guardino alla forza lavoro del settore socio-sanitario nel suo insieme”.