30 Nov 2021
HomeMilanoSistema sociosanitario regionale / Giovedì 18 novembre convegno Fp Cgil Lombardia – Fp Cgil Milano

Sistema sociosanitario regionale / Giovedì 18 novembre convegno Fp Cgil Lombardia – Fp Cgil Milano

“Valorizzare il lavoro per rinnovare il sistema socio sanitario lombardo” è il titolo dell’iniziativa che si terrà alla Casa della Cultura (obbligo Green Pass) e che sarà trasmessa in diretta Fb

15 nov. 2021 – “Il convegno nasce dall’esigenza di mettere a fuoco le problematiche riguardanti il lavoro nel contesto sanitario della Lombardia, alla luce di quelli che sono stati due anni terribili e delle novità previste dalla revisione della legge regionale 23 sul sistema sociosanitario che ha concluso la fase di sperimentazione e da quanto previsto dal Piano nazionale di ripresa e resilienza”. Così Gilberto Creston, segretario Fp Cgil Lombardia, sul convegno che la categoria regionale, insieme a quella milanese, organizzano giovedì 18 novembre alla Casa della Cultura di via Borgogna 3 (dalle ore 9.30 alle 14.30), dal titolo “Valorizzare il lavoro per rinnovare il sistema socio sanitario lombardo”, e a cui lui stesso dedicherà la relazione introduttiva.

All’iniziativa, che sarà trasmessa in diretta sulla pagina Facebook della Fp Cgil Lombardia e che sarà moderata dalla segretaria Fp Cgil Milano Elisabetta Guarneri, parteciperanno anche: Massimo Bonini, segretario generale Cgil Milano, con un saluto; Walter Bergamaschi, direttore generale ATS Milano; Manuela Zaltieri, presidente Ordine Assistenti sociali Lombardia; Livio Pietro Tronconi, docente di diritto sanitario Università Pavia; Alessandro Pagano, segretario generale Cgil Lombardia; Giorgio Barbieri, coordinatore medici medicina generale Fp Cgil; Barbara Mangiacavalli, presidente Fnopi-Federazione nazionale ordini professioni infermieristiche; Dario Laquintana, dirigente professioni sanitarie. Mentre alla segretaria generale Fp Cgil nazionale, Serena Sorrentino, spetteranno le conclusioni.

“Abbiamo chiamato rappresentanti delle aziende e delle professioni ad un confronto che ci aspettiamo utile e importante – afferma Creston -. Il ridisegno del sistema sociosanitario lombardo, che ha come obiettivo un riequilibrio tra sanità ospedaliera e sanità territoriale, deve trovare un suo punto di forza nel lavoro e nelle professionalità operanti nel sistema. Lo sviluppo della rete territoriale richiederà organici aggiuntivi rispetto a quelli esistenti, peraltro già carenti come più volte denunciato. E cominciamo dalla stabilizzazione dei precari”.

Il dirigente sindacale aggiunge inoltre che questo riassetto “richiederà anche nuove professionalità (pensiamo al l’infermiere di famiglia), nuove competenze, nuove forme di collaborazione tra i vari professionisti per realizzare l’integrazione indispensabile tra sanitario e sociale e tra ospedale e territorio. Non bisogna dimenticare – prosegue – un terzo tassello fondamentale per il buon funzionamento del sistema: il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro. Le trattative sono iniziate e ci aspettiamo importanti e positive novità sul tema dell’ordinamento professionale”.