24 May 2022
HomePubblicazioneAggressioni alla Polizia Locale / I sindacati chiedono un tavolo regionale all’Assessore alla Sicurezza

Aggressioni alla Polizia Locale / I sindacati chiedono un tavolo regionale all’Assessore alla Sicurezza

Pirovano (Fp Cgil Lombardia): Occorre un confronto urgente per fare fronte a questa situazione difficile e che prova la salute e incolumità delle lavoratrici e dei lavoratori a tutti i livelli

20 gen. 2022 – Lavorare in salute e sicurezza, in ogni ambiente di lavoro e per ogni professionalità, è un imperativo sindacale. Luoghi di lavoro possono essere le strade, dove si stanno susseguendo anche in Lombardia aggressioni e attacchi a chi opera nella Polizia Locale.

“Il fenomeno delle aggressioni alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi pubblici, a chi tutti i giorni in prima persona eroga prestazioni per le cittadine e i cittadini, per la collettività, sta complessivamente assumendo dimensioni preoccupanti, oltre che gravi in quanto tali. I disagi economici e sociali, la pandemia, una crisi diffusa che attraversa le persone diventano una molla contro chi lavora mettendo la propria faccia nel dare le risposte dovute, che possono essere anche nei termini di fare rispettare le norme e i codici della strada, come nel caso delle agenti e degli agenti della Polizia Locale. Quindi un tavolo regionale per fare fronte a questa situazione difficile con tutti gli strumenti a disposizione occorre quanto prima”. Con queste parole Lucilla Pirovano, coordinatrice Fp Cgil Lombardia, riferisce della lettera unitaria che i sindacati hanno indirizzato all’Assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato richiedendo “con urgenza, un tavolo regionale con la partecipazione di tutti gli attori che possono garantire migliori condizioni e di lavoro in sicurezza” e anche di “lavorare a protocolli operativi di sicurezza e potenziare la formazione continua del personale”.

Pirovano specifica inoltre che, tra le rivendicazioni, si continua a battere il chiodo anche sulla “prevenzione del disagio psichico e psicologico delle operatrici e degli operatori del Corpo. Abbiamo chiesto di discuterne tempo fa e siamo ancora in attesa. Ma il confronto regionale serve anche su un’altra partita – aggiunge -, cioè il testo di riforma della Polizia Locale presentato in Parlamento. Non è la riforma che vogliamo perché, invece che migliorare le condizioni e tutele delle lavoratrici e dei lavoratori, mantiene importanti criticità. È un’occasione sprecata. Un tema, questo, che affronteremo anche nell’assemblea regionale on line che come Fp Cgil abbiamo organizzato per mercoledì prossimo, 26 gennaio”.