13 Jul 2024
HomeMantovaFondazione Mazzali / Sospeso lo stato di agitazione

Fondazione Mazzali / Sospeso lo stato di agitazione

Tomasini (Fp Cgil Mantova): “Bene l’apertura della direzione, le problematiche che fanno dannare il personale vanno risolte al più presto”

7 mar. 2023 – “Abbiamo sospeso lo stato di agitazione, su indicazione delle lavoratrici e dei lavoratori in un’assemblea molto partecipata. Sospeso non significa revocato, perché vogliamo vedere risposte concrete dopo l’apertura dei vertici della Mazzali. Intanto abbiamo ritirato le bandiere che avevamo messo per rimarcare la nostra protesta”. Magda Tomasini, segretaria Fp Cgil Mantova, incassa il primo segnale positivo dopo l’incontro dei sindacati con la Fondazione, lunedì 6 marzo, ma ragiona con pragmatismo: “le problematiche che fanno dannare il personale vanno risolte al più presto. Abbiamo già calendarizzato due incontri, uno è la settimana prossima. La situazione generale è gravosa. Per questo abbiamo apprezzato che sia già stata inserita una nuova figura per organizzare i turni di lavoro, una delle criticità più sentite, visto che sono sempre emergenziali”.

Nello stato di agitazione erano coinvolti circa 200 dipendenti? “Sì, nella sede di via Trento a Mantova. Ma degli Istituti geriatrici fa parte anche la succursale di Marmirolo, la Rsa Cordioli Mazzali, con un altro centinaio di lavoratrici e lavoratori, da cui però non abbiamo avuto segnalazioni perché ha una gestione a sé che non è cambiata. Da parte loro è arrivata subito la solidarietà a colleghe e colleghi – racconta la sindacalista -. E sui 300 dipendenti totali, sono state raccolte solo 17 firme contro lo stato di agitazione e le nostre rivendicazioni”.

Ricordiamo, per sommi capi, le questioni da sanare? “L’organizzazione e la programmazione del lavoro, i turni, le ore di stacco e i riposi necessari, la formazione da fare non nei giorni di riposo. Avevamo siglato degli accordi con la direzione precedente e vanno rispettati, con coerenza. È importante, per il lavoro che la Fondazione svolge verso le persone anziane ospiti e per l’attrattività della struttura, che le lavoratrici e i lavoratori possano operare in un ambiente dove il benessere organizzativo e la valorizzazione professionale sono leva di una forte motivazione, per la propria dignità e salute e per una resa qualitativa dei servizi erogati”.